lunedì, Gennaio 24, 2022
Disponibile su Google Play
HomeScienzaFuture Inventors: così si vive la Scienza

Future Inventors: così si vive la Scienza

STEM, dall’inglese Science, Technology, Engineering and Mathematics, è il faro che deve illuminare una parte importante del percorso educativo che il nostro sistema scolastico propone, fin dagli inizi: oggi più che mai lo sappiamo, dopo che la pandemia e gli strumenti trovati a tempo di record per mitigarla e contrastarla hanno mostrato quanta differenza possano fare le scienze nella vita quotidiana. Come trasformare quella sigla, STEM, e il timore quasi reverenziale che spesso accompagna quegli studi in qualcosa che anche i più giovani possono avvicinare con curiosità? È questa la sfida di Future Inventors, il progetto educativo del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci (Milano) e Fondazione Rocca che unisce scienza , arte e tecnologia digitale per dare vita a un metodo alternativo per parlare delle STEM: un formidabile e coloratissimo laboratorio dedicato a docenti e studenti delle scuole medie.

Nel video qui sopra: dai tubi musicali di Lines agli psichedelici giochi di forme e colori di Caleidoscope, fino allo specchio meccanico in bianco e nero: nel laboratorio di Future Inventors il mondo analogico e quello digitale si incontrano in un connubio perfetto tra arte, tecnologia e scienza . I giovani studenti qui possono creare suoni diversi col solo movimento delle mani, tracciare linee colorate e comporre complesse forme geometriche, trasformare il reale nel virtuale. Tutto all’insegna della collaborazione, della creatività e della libertà espressiva.

Pixel e bit: tra immagini e suoni. Il laboratorio sarà a disposizione degli studenti di cinque istituti lombardi coinvolti nella sperimentazione per l’intero anno scolastico. L’ambiente è organizzato in tre stanze principali: il primo è una pedana a pressione dotata di un sistema di tracciamento laser che trasforma i passi dei ragazzi in immagini e disegni digitali colorati su schermo; il secondo è una stanza composta da tubi tridimensionali dotati di sensori a infrarossi in grado di misurare la distanza delle persone e trasformare i movimenti in suoni di diversa frequenza, timbro e volume in base alle interazioni.

Il terzo ambiente raccoglie diverse attività legate a software e output sia visivi sia uditivi, come la zona dedicata a giochi di ombre colorate o lo specchio meccanico che trasforma le immagini registrate dalla fotocamera in pixel bianchi e neri.

Il progetto prevede diverse fasi di sviluppo e includerà installazioni realizzate da artisti di livello internazionale e attività innovative, come proiezioni interattive, sound art, videomapping, algoritmi creativi… Tutti gli elementi che permetteranno di sollecitare la curiosità e la passione per le scienze dei nostri ancora piccoli inventori del futuro.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews