lunedì, Gennaio 24, 2022
Disponibile su Google Play
HomeScienzaC'è un modo per fermare la trasmissione della covid?

C’è un modo per fermare la trasmissione della covid?

A questo punto della pandemia è chiaro a tutti (o quasi) che i vaccini funzionano e che stanno salvando molte vite. Tuttavia, per quanto sia innegabile la loro efficacia nel ridurre ricoveri e decessi, non sono altrettanto efficaci nel bloccare la trasmissione del virus – ed ecco perché è fondamentale, anche per i vaccinati, indossare la mascherina. Questo succede perché gli attuali vaccini, somministrati per via intramuscolare, inducono la produzione di anticorpi nel sangue ma non nelle mucose respiratorie, dove il virus può quindi replicarsi e venire espulso dalla persona vaccinata tramite goccioline respiratorie o aerosol. Come spiega l’epidemiologo Michael Mina in un tweet (qui sotto), i virus come il SARS-CoV-2 non hanno bisogno di replicarsi “internamente” per ritrasmettersi, ma solo localmente: atterrano nel naso, si replicano e sono pronti a passare al prossimo ospite.

For vax against upper respiratory viruses like SARS2, these viruses often don’t require “internal” replication. They just land in the nose, replicate locally & transmit on. So the vax can block “internal” replication and thus stop disease separate from stopping transmission

2/

— Michael Mina (@michaelmina_lab) November 27, 2021

Stop definitivo. Un possibile stop alla trasmissione potrebbe venire dai vaccini somministrati per via nasale (tramite spray o aerosol) che, come spiega uno studio italiano, sarebbero in grado di produrre non solo le IgG (prodotte dai vaccini attuali) ma anche le IgA mucosali, riuscendo quindi ad agire non solo internamente ma anche localmente nelle vie respiratorie. «È molto difficile proteggere il tratto respiratorio superiore con i vaccini intramuscolari», spiega Vincent Munster del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID). «I vaccini intranasali potrebbero riuscire a bloccare la tramissione del virus», afferma Martin Moore, cofondatore di Meissa Vaccines, azienda californiana che sta sviluppando un vaccino anticovid di questo tipo.

Vaccino mRNA

Il vaccino della Meissa Vaccines utilizza un virus respiratorio sinciziale (VRS) attenuato, modificato per esprimere la proteina spike di SARS-CoV-2: «Difficilmente i vaccini a mRNA messaggero (come quelli di Pfizer e Moderna, ndr), potranno diventare intranasali», ha spiegato Martin Moore, cofondatore della Meissa Vaccines.
© thodonal88 | Shutterstock

Protezione totale. Un recente studio condotto da Munster sembra confermare la capacità dei vaccini intranasali di indurre sia una risposta immunitaria sistemica che mucosale. Questo aspetto, sottolinea Munster, è di particolare importanza poiché gli aerosol di SARS-CoV-2, il coronavirus che causa la covid, possono depositarsi sia nel tratto respiratorio superiore che in quello inferiore, scatenando l’infezione nei polmoni, e l’immunità mucosale garantirebbe la protezione anche di questa zona.

Trial di fase 1. La Meissa Vaccines ha appena cominciato i trial di fase 1 (su volontari umani), dopo i buoni risultati ottenuti con la sperimentazione animale: l’unico trial di fase 1 di un vaccino intranasale completato fino ad oggi non ha dato buoni risultati, scatenando una risposta immunitaria decisamente inferiore a quanto sperato. È quello del vaccino anticovid di Altimmune, biofarmaceutica statunitense, i cui risultati sono stati definiti dallo stesso direttore “deludenti”.

Tuttavia, secondo Matthew Memoli (NIAID), la delusione potrebbe essere dovuta a un’incapacità di lettura dei dati: «La risposta immunitaria scatenata dai vaccini intranasali sarà sempre inferiore a quella dei vaccini intramuscolari, ma alti livelli di anticorpi non sempre sono sinonimo di un’ottima protezione contro una malattia». Secondo Memoli il problema di base potrebbe essere la scarsa conoscenza del funzionamento dell’immunità mucosale del tratto respiratorio, che porterebbe i ricercatori a conclusioni errate e farebbe abbandonare troppo presto le sperimentazioni di vaccini promettenti.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews