martedì, Gennaio 18, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMisteroDovremmo prepararci per un imminente contatto ET

Dovremmo prepararci per un imminente contatto ET

Di Chris Sweeney, autore ed editorialista che ha scritto per giornali come The Times, Daily Express, The Sun e Daily Record, insieme a diverse riviste internazionali. Seguilo su Twitter @Writes_Sweeney

Uno dei fondatori di un nuovo gruppo formato il mese scorso, l’International Coalition of Extraterrestrial Research, spiega la sua missione a RT.com e perché è convinto che gli alieni visitino spesso la Terra.
Gli alieni hanno basi sottomarine e stanno cercando di dissuadere la razza umana dalle armi nucleari, a causa del potenziale danno catastrofico.

Metti Mi piace su anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

In alcuni ambienti, questa affermazione ti vedrebbe liquidato come un eccentrico.

Ma non per Gary Heseltine, vicepresidente della neonata International Coalition of Extraterrestrial Research (ICER).

Sono un’organizzazione non governativa con sede in Portogallo che comprende scienziati, ricercatori e accademici di 27 nazioni. La loro missione è: prepararsi al contatto.

Ogni membro dell’ICER ha firmato un giuramento che sottolinea la propria convinzione fondamentale.

Heseltine spiega: “Dice che dopo 70 anni di ricerche in tutto il mondo, pensiamo che le prove indichino qualcosa di reale, che agisce con intelligenza ed è probabile che sia extraterrestre e non umano”.

Sì, l’ICER pensa che gli alieni esistano e che visitino spesso la Terra.

Sembra la trama di un film di Hollywood, ma il gruppo è serio e desideroso di discutere le sue teorie in modo razionale ed evidente.

Heseltine, un ex detective della polizia britannica, ha spiegato: “Il mio mandato e il mandato dell’ICER è ciò che reggerebbe in un ipotetico tribunale.

“Dovremmo prepararci ora alla possibilità che questo sia reale, poiché le prove dicono che è reale. Abbiamo a che fare con qualcosa che è andato oltre le luci nel cielo.

“Per dirla in prospettiva, nel tre percento dei casi in tutto il mondo c’è qualcosa che è un fenomeno genuino, che sfida ogni spiegazione dopo indagine. Il tre percento di milioni di casi negli ultimi 70 anni è molto”.

Alcuni esperti riferiscono che questi velivoli volano a velocità ipersoniche, tirando una forza g di 600, senza ali o sistema di propulsione. (Per fare un confronto, un F-16 può volare solo a metà di quella velocità e tirare 9G).

C’è anche il resoconto di un pilota di caccia di aver visto un velivolo cadere da 60.000 piedi a 50 piedi in 0,8 secondi.

Heseltine parla di osservabili con UFO o UAP (Unidentified Aerial Phenomena) che includono accelerazione istantanea, arresto istantaneo, inversione istantanea sulla stessa pista, il tutto senza decelerazione e virate ad angolo retto senza dichiarazione al punto di svolta.

Altri sono davvero difficili da comprendere: ICER afferma che questi mestieri possono passare dall’essere invisibili a visibili con un clic di un dito. E tutti non emettono rumore.

Gli esperti concordano che tutto ciò va al di là delle capacità militari, anche dei programmi segreti e avanzati. “Questo è il motivo per cui l’ICER sta spingendo affinché i governi rilascino informazioni da studiare”, afferma Heseltine. “Le prestazioni sono semplicemente cose che non possiamo fare.

“ICER vuole i dati scientifici rilasciati da questi incidenti; telemetria, radar, caratteristiche delle prestazioni, poiché maggiore è il controllo dei dati effettivi, più ICER crede che si dimostrerà rapidamente qualcosa che non è stato creato dall’uomo.

Gli avvistamenti e le speculazioni sugli UFO iniziarono seriamente negli anni ’40. L’ICER crede che questo non sia un caso, come lo è stato quando è stata fatta esplodere la prima arma nucleare.

“Che coincidenza”, opina Hesletine. “Penso che quando abbiamo fatto esplodere le nostre prime armi atomiche, ha inviato un’onda d’urto invisibile nello spazio che è stata raccolta da altre civiltà che poi si sono rese conto che questa creatura su questo pianeta aveva raggiunto un livello di realizzazione tecnica tale da essere in grado di dividere l’atomo. .”

Continuando la teoria, Heseltine spiega come il 509th Operations Group dell’US Air Force sia stato il primo squadrone ad avere armi nucleari. Sono stati i loro piloti a sganciare le bombe di Hiroshima e Nagasaki.

E il loro quartier generale?

Walker Air Force Base, che si trova vicino a Roswell nel New Mexico e dove il famigerato incidente alieno si sarebbe verificato nel 1947.

Da allora, secondo Heseltine, si sono verificati altri incidenti nucleari, come un silo missilistico dell’Unione Sovietica che è stato attivato nel 1982, apparentemente da solo, e un silos statunitense inspiegabilmente spento.

Questo si combina con la sensazione dell’ICER che gli alieni abbiano creato basi nelle profonde fosse dei nostri oceani.

Heseltine chiede: “Non avrebbe allora senso che non volessero vedere la Terra distrutta in una guerra di distruzione reciprocamente assicurata che renderebbe il pianeta tossico?

“Avrebbe senso per loro uscire allo scoperto e dire ‘non pensiamo che dovresti giocare con le armi nucleari’.

“L’America è stata la nazione più potente della Terra probabilmente perché ha recuperato un’imbarcazione nel 1947. Tutti dicono che chiunque abbia ottenuto quella tecnologia sarebbe diventato immediatamente la nazione più potente della Terra. Sospetto che sia quello che è successo, e l’America pensava di essere invincibile quando ha recuperato quella tecnologia.

“Non possiamo provare tutto questo; l’incidente di Roswell si può provare in modo circostanziato, ma in termini di possiamo produrre il corpo alieno definitivo? No. Possiamo darvi il pezzo definitivo o parte dell’incidente? No.”

Anche questo rientra nell’agenda dell’ICER, poiché stimano che il 90% delle informazioni sugli UFO siano segregate dai governi.

“Chiediamo trasparenza”, chiede Heseltine. “Alla fine, non otterrai 70 anni di programmi di accesso speciale del governo segreto in cui sono stati coinvolti gli americani. Non offriranno volontariamente tutto questo.

“Ma ora almeno riconosciamo che queste cose stanno volando in giro, non sappiamo cosa siano, possono andare e venire impunemente, e ora gettiamo tutto su base globale per un obiettivo comune”.

C’è un caso in cui l’ICER ritiene che sia credibile l’esistenza di programmi segreti.

Gary McKinnon era un hacker scozzese che ha fatto irruzione nel sistema informatico militare degli Stati Uniti.

L’America ha cercato di estradarlo, ma l’allora primo ministro, Theresa May, gliel’ha impedito.

In un’intervista alla BBC, McKinnon ha discusso di come stava cercando informazioni relative agli UFO e ha visto l’immagine di un velivolo: “Questa cosa era sospesa nello spazio, l’emisfero terrestre visibile sotto di esso, e nessun rivetto, nessuna cucitura, nessuna delle cose associati alla normale produzione artificiale”.

Heseltine pensa che il caso McKinnon sia rivelatore, aggiungendo: “Si potrebbe obiettare che stanno solo facendo il loro lavoro mentre ha infranto la legge, o volevano davvero proteggere alcune delle cose che ha detto di aver visto e di cui ha parlato?

“Se fosse andato in giudizio, molti dei migliori scienziati e ricercatori sugli UFO lo avrebbero aiutato, e avrebbe aperto in un tribunale pubblico questa più ampia questione degli UFO, e a quel tempo gli americani certamente non volevano parlare di [it].

“In questo momento, non ci sono conferme in quanto è il resoconto di un uomo e non può produrre le prove di ciò che ha detto di aver visto”.

Un altro segno rivelatore per Heseltine è la chiusura del suo ufficio UFO da parte del governo britannico nel 2009.

Spiega: “Il progetto era quello di rendere quasi impossibile la raccolta e la raccolta di materiale nel Regno Unito e ha funzionato. Non è possibile ottenere dati precisi su quanti casi si verificano nel Regno Unito”.

L’ICER vuole che tutto questo finisca, che tutto sia documentato e che la nozione di alieni sia introdotta nel mainstream. Sono in procinto di costruire un corpo di lavoro che sperano di ottenere loro uno status consultivo speciale presso le Nazioni Unite.

Heseltine esorta: “Facciamo una discussione adulta, sediamoci intorno a un tavolo e parliamo di questo da un approccio mondiale. Questo non è un problema americano, russo o cinese, è un problema mondiale e dovremmo considerarlo come una razza globale, la razza umana.

“E se si scopre che siamo solo formiche nel parco giochi e siamo molto primitivi, cosa che sospetto che siamo, allora perché ET dovrebbe parlare con una formica? Quando andiamo al parco giochi e guardiamo in basso, non parliamo con le formiche, vero? Pensiamo di essere sofisticati e loro non possono capirci. E se fossimo le formiche in questa rete globale di civiltà?”

Ma allora sorge la domanda: se siamo di intelligenza inferiore, allora perché preoccuparsi di provare a connettersi con noi?

La teoria di Heseltine è che la Terra è un ottimo posto per una vacanza se sei un alieno. “Inviamo sonde nel sistema solare e oltre, stiamo solo facendo quello che hanno fatto loro, ma lo hanno fatto più velocemente perché sono milioni di anni avanti a noi.

“La gente mi chiede, perché vengono qui? Non so perché vengano qui, ma la mia teoria preferita è che questo pianeta in questa parte del vicinato cosmico è un po’ come un’oasi nel deserto perché è così pieno d’acqua, ricco di vita diversa, penso che siamo un po’ come la Grande Barriera Corallina.

“Andiamo in posti interessanti, quindi se fossi un turista spaziale, perché non verresti sul Pianeta Terra e osservi semplicemente i servi?”

L’ICER aveva anticipato con impazienza il rapporto dell’Advanced Aerospace Threat Identification Program (AATIP) del governo degli Stati Uniti, che è stato annunciato come l’apertura degli archivi americani e la rivelazione di tutto ciò che è stato tenuto segreto da Roswell.

Il documento di nove pagine è stato emesso venerdì dall’Ufficio del direttore dell’intelligence nazionale, affermando che tra il 2004 e il 2021 ci sono stati 144 casi di oggetti volanti, ma solo uno può essere spiegato. Quello è stato giudicato un grande pallone sgonfiante.

Nei restanti casi, le autorità americane hanno dichiarato di “mancare di informazioni sufficienti nel nostro set di dati per attribuire gli incidenti a spiegazioni specifiche”. E mentre, secondo un alto funzionario degli Stati Uniti, non c’erano “chiare indicazioni che ci fosse una spiegazione non terrestre”, non escludono specificamente la possibilità.

Heseltine è stato coinvolto nella stesura della risposta ufficiale dell’ICER al rapporto, che descriveva la comunicazione del governo degli Stati Uniti su queste questioni come un “cambiamento epocale” e “attesa da tempo”.

La dichiarazione ha proseguito dicendo: “ICER incoraggia che tutte le parti interessate lavorino insieme per il bene più grande di stabilire la verità su queste imbarcazioni. L’ICER è fiducioso che più ricerche scientifiche saranno intraprese, i dati alla fine confermeranno che il Pianeta Terra è impegnato da intelligenze extraterrestri/non umane”.

Heseltine ritiene che il rapporto creerà uno slancio inarrestabile iniziato con un articolo del New York Times nel 2017 che mostrava filmati di artigianato che non avevano alcuna somiglianza con nulla di cui siamo a conoscenza.

Potremmo raggiungere il punto in cui gli UFO e gli alieni non sono più fantascienza.

Heseltine sostiene: “La pressione sta aumentando, quella diga alla fine andrà in frantumi e crollerà. Non siamo ancora arrivati, ma penso che tra sei mesi o un anno, se lo slancio aumenta, la diga si romperà rapidamente.

“Questo è il momento in cui siamo interessati a ciò che chiamiamo Big Disclosure; saprai quando accadrà perché sarà 24 ore su 24, 7 giorni su 7 su tutti i canali di notizie come Covid.

“Ci saranno implicazioni psicologicamente per l’umanità per ottenere la loro testa e alcune persone avranno un momento difficile.

“Alcuni penseranno che saremo invasi come Independence Day. In realtà potrebbero esserci molti aspetti positivi. E se dicessero: ‘abbiamo una cura per il cancro?’ E se non dovessimo usare combustibili fossili: potrebbero avere una macchina antigravitazionale e questo aiuterebbe il clima e il pianeta?

“Tutti, che si tratti di scienziati, accademici, uomini e donne della strada, tutti diranno che è il momento più profondo della storia umana”.

Di Chris Sweeney, fonte: www.rt.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews