martedì, Gennaio 25, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiarePac, un mese di tempo per sciogliere i nodi del Piano nazionale

Pac, un mese di tempo per sciogliere i nodi del Piano nazionale

Ascolta la versione audio dell’articolo

Fatta la nuova Politica agricola comune ora bisogna fare il piano nazionale per attuarla. Per la prima ci sono voluti circa tre anni, per il secondo resta poco più di un mese. La riforma che il 23 novembre ha incassato il via libera definitivo dell’Europarlamento, dopo l’accordo politico dello scorso giugno tra le istituzioni Ue, lascia infatti un’ampia delega agli Stati membri sulla scelta delle misure per raggiungere i nuovi obiettivi legati alla sostenibilità ambientale e sociale della Pac che entrerà in vigore nel 2023.

Complessivamente saranno destinati all’agricoltura europea circa 387 miliardi di euro, pari al 33% del bilancio totale dell’Unione. Ogni paese dovrà garantire che almeno il 35% dei fondi per lo sviluppo rurale e il 25% dei pagamenti diretti siano destinati a misure ambientali e climatiche.

Per l’Italia ci sono poco meno di 4 miliardi l’anno di aiuti a cui aggiungere un altro miliardo per i piani di sviluppo rurale gestiti dalle Regioni. La corsa contro il tempo per l’invio a Bruxelles del piano strategico nazionale che dovrà definire i criteri di assegnazione degli aiuti (ma anche i singoli piani regionali) è partita con qualche ritardo e sconta le difficoltà legate sia alla complessità della riforma che al numero di soggetti coinvolti.

Sul tavolo presieduto dal ministro Stefano Patuanelli, che questa settimana ha chiesto alle organizzazioni agricole un documento scritto con le proprie posizioni, c’è l’ipotesi di un riallineamento graduale degli aiuti storici nella misura dell’85%, ma non è esclusa l’ipotesi più estrema di arrivare a un importo a ettaro uguale per tutti entro il 2026. La vecchia Pac si trascina infatti ancora profonde differenze nell’attribuzione dei premi ai vari settori, eredità della politica produttivista legata all’andamento dei mercati abbandonata, con qualche rimpianto vista la carenza di materie prime oggi in Europa e in Italia in particolare, nel lontano 2003.

Ora saranno gli Stati membri a scegliere quali pratiche sostenibili premiare per raggiungere l’obiettivo europeo di riduzione delle emissioni al 2030 di almeno il 55 per cento. Una decisione non facile che rischia di scontentare settori (è il caso della zootecnia, ma anche olio, agrumi e tabacco) e territori destinati a perdere di più nel confronto con il passato.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews