martedì, Gennaio 25, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareCome si distingue un locale mafioso?

Come si distingue un locale mafioso?

“Nelle zone della movida milanese i nomi che si susseguono, i titolari dei capitali sociali o delle cariche sociali, più o meno sono sempre quelli. E cambiano vorticosamente compagine societaria”: è uno dei campanelli d’allarme capaci di suggerire la presenza della mafia nella ristorazione, dominante laddove più denaro circola e più movimentazione è giustificabile, nonché […]

  • Home
  • Ristoranti
  • Come si distingue un locale mafioso?

“Nelle zone della movida milanese i nomi che si susseguono, i titolari dei capitali sociali o delle cariche sociali, più o meno sono sempre quelli. E cambiano vorticosamente compagine societaria”: è uno dei campanelli d’allarme capaci di suggerire la presenza della mafia nella ristorazione, dominante laddove più denaro circola e più movimentazione è giustificabile, nonché dove per la criminalità organizzata è più efficace far percepire un ruolo di comando sul territorio. Uno dei tanti segnali, si diceva, che illustrato da Alessandra Dolci suona tremendamente concreto. È proprio con la Coordinatrice della Direzione distrettuale antimafia di Milano, intervistata da noi in esclusiva, e con il giornalista del Corriere della Sera Cesare Giuzzi, che abbiamo cercato di individuare quali siano le più diffuse avvisaglie della mafia insidiatasi in un locale, lungi dal notorio e dai cliché.

Perché, come spiega Giuzzi: “Quando parliamo di riciclaggio e di mafia dobbiamo stare attenti a non immaginarci uno scenario da film: la normalità è fatta di un riciclaggio di base fatto con meccanismi anche molto artigianali”. Detto in altre parole, la criminalità organizzata è molto più tangibile (e assai meno affascinante) di quanto si pensi.

Il video che vedete è il terzo di un ciclo di interviste tematiche dedicate alla mafia nella ristorazione, ispirate al saggio Il giro dei soldi e confluite in un grande servizio a puntate, “in onda” ogni giovedì su qui Dissapore.

Mafia nella ristorazione

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews