martedì, Gennaio 25, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMisteroAnche Apple fa causa a Nso Group, la società israeliana che vende...

Anche Apple fa causa a Nso Group, la società israeliana che vende lo spyware Pegasus

Ascolta la versione audio dell’articolo

Apple fa causa alla Nso Group, l’azienda israeliana che produce lo spyware al centro dello scandalo Pegasus. L’obiettivo della casa di Cupertino è rendere il software della Nso inutilizzabile su tutti i dispositivi Apple. La richiesta è quella di vietare permanentemente a NSO Gruppo di utilizzare qualsiasi software, servizio o dispositivo Apple e che non si sviluppano più software che ne vanno a violare i software, così da tutelare la sicurezza degli stessi e dei suoi utenti. «Società come Nso spendono milioni di dollari in sofisticate tecnologie di sorveglianza senza una corretta assunzione di responsabilità. Questa situazione deve cambiare», ha dichiarato Craig Federighi, senior vice president del software engineering di Apple.

Chi è il gruppo NSO?

NSO Group è un’azienda di sorveglianza isrealiana che vende tecnologia in licenza ad agenzie governative autorizzate- al solo scopo – sostenere – «di combattere il crimine e il terrore». Sono loro ad avere progettato e prodotto Pegasus, lo spyware al centro delle critiche nei mesi scorsi per essere stato utilizzato da governi autoritari per spiare giornalisti e dissidenti. Si difen dall’accusa sostenere didono fornire « ai governi gli strumenti” per combattere “pedofili e terroristi” che combatti in rete». Come dire, noi forniamo le armi, non è nostra responsabilità se finiscono in mani sbagliate e per usi illeciti. La difesa di Nso è una richiesta di immunità per avere lavorato per l’intelligence. I dirigenti di Nso hanno sempre affermato di vendere lo spyware alle forze di polizia e alle agenzie di intelligence per intercettazioni legali. NSO Group, ricordiamo, è stata inserita nella lista nera del Dipartimento del Commercio statunitense

I precedenti con Facebook

Un’azione legale era stata già avviata da Facebook nel 2019 con l’accusa di avere preso di mira con il suo spyware 1.400 dei suoi utenti di Whatsapp, tra cui circa 100 tra diplomatici, funzionari governativi, giornalisti e attivisti

Scopri di più

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews