martedì, Novembre 30, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaGHB: il farmaco diventato droga dello stupro

GHB: il farmaco diventato droga dello stupro

Ogni droga ha effetti differenti, ma tutte sono un veleno per il cervello. Spesso può essere “solo” una questione di dose, come spiegano gli esperti della Società Italiana di Tossicologia: non di rado basta aumentarla perché un farmaco diventi un veleno, o appunto una droga. È il caso del GHB, l’acido γ-idrossibutirrico, meglio noto come “droga dello stupro”, spesso nelle cronache: non è solo una sostanza d’abuso che si compra online o dagli spacciatori, ma anche un farmaco, oltre che una molecola presente naturalmente nel cervello.

Il GHB,

Il GHB, detto anche “droga dello stupro”.
© Shutterstock

Scoperto negli anni ’60, il GHB è stato studiato nei decenni successivi e si è visto che somministrandolo in maniera controllata e a dosaggi ben definiti può avere effetti positivi in pazienti con disturbi del sonno e che può aiutare anche nel trattamento dell’alcolismo. Chiarisce la tossicologa Sarah Vecchio: «Anche in Italia l’Aifa ne consente l’impiego con specifiche restrizioni, per brevi periodi e nella sindrome di astinenza da alcol. Tuttavia i due piani non devono essere confusi: il GHB come droga d’abuso non “esce” dai canali della prescrizione medica, ma viene acquistato sul web o per strada».

Il liquido trasparente dal vago sapore salato e la polvere bianca da sciogliere nelle bibite non si trovano in farmacia, e non si cerca dal medico neppure l’altra categoria di consumatori di GHB “non autorizzati”, i patiti del fitness: la molecola infatti stimola la produzione degli ormoni della crescita, e viene quindi utilizzata anche come sostanza dopante da chi pratica body building senza criterio. In realtà, gli effetti di GHB sul sistema nervoso centrale e sull’organismo in generale non sono ancora del tutto chiariti, e la risposta può variare non poco da persona a persona, anche a dosi di poco più elevate da quelle farmacologiche: per questo è ritenuto particolarmente pericoloso, e anche quando è utilizzato come terapia viene gestito con molta cautela dai medici.

———-
Per approfondire: Come agisce la droga sul cervello, di Elena Meli, su Focus 350 (dicembre 2021).

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews