martedì, Novembre 30, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaLa leggenda del crisantemo da raccontare ai bambini

La leggenda del crisantemo da raccontare ai bambini

La leggenda del crisantemo è una storia che calza a pennello a pochi giorni dal 2 novembre, ricorrenza che vede la commemorazione dei defunti. Si tratta di una sorta di favola da raccontare ai bambini che riguarda il fiore simbolo della Festa dei morti.

Oltre che immagini del crisantemo da colorare, filastrocche che lo hanno come protagonista e lavoretti che, probabilmente, li impegneranno a scuola, potresti intrattenere i tuoi bimbi con questo breve racconto sul fiore.

La leggenda del crisantemo da raccontare ai bambini

La leggenda del crisantemo

C’era una volta una bambina che viveva con la sua mamma in una piccola capanna di paglia in un borgo isolato. Suo padre era morto quando era ancora giovane. Quindi la bambina e la mamma vivevano da sole e, per sbarcare il lunario, lavoravano duramente. Un giorno, la madre si ammalò. Quindi, disse alla figlioletta: “Mia cara figlia, vai a chiamare un dottore!”.

La piccola uscì di casa rapidamente con il cuore colmo di preoccupazione. Improvvisamente, si imbatté in un vecchio uomo dai capelli del colore della neve. Questo le chiese: “Perché sei così tanto di fretta?”. “Sto cercando un dottore. Mia madre è molto malata!” gli rispose la bambina piangendo.

Il vecchio le disse allora: “Sono un dottore! Portami a casa tua, curerò tua madre”. Quando il vecchio arrivò, dopo aver visitato la madre, disse alla bambina: “La malattia di tua madre è grave, ma farò del mio meglio per curarla. Ora, vai a cercare un banyan (albero) vicino al bosco. Troverai una margherita. Prendila e portala qui!”

Fuori faceva un freddo pungente, e la bambina aveva addosso dei vestiti molto leggeri. Camminò così tanto che i suoi piedi le fecero molto male, ma arrivò di fronte all’albero di banyan. Davanti a lei c’era un cespuglio con una bella margherita. La colse e la tenne tra le mani. All’improvviso, la voce del vecchio echeggiò nelle sue orecchie, “Ogni petalo rappresenta un giorno di vita in più per tua madre».

La bambina guardò quindi il fiore dall’alto in basso e contò: “Uno, due, tre… venti! Oh no! Mancano solo venti giorni alla morte della mia mamma!» Pensò un po’, quindi strappò delicatamente i petali in tanti piccoli pezzi. Ogni pezzo si trasformò in un sottile petalo lucido. La margherita dai venti petali diventò un fiore dagli innumerevoli petali. La bimba, quindi, si precipitò a casa con lo strano fiore in mano. Il vecchio la stava aspettando sulla porta. Quando la vide, le disse allegramente: “Tua madre ha recuperato. È la ricompensa per il tuo cuore pio».

Da allora, ogni anno durante l’autunno, questi strani fiori con molti petali sottili sbocciano creando un bellissimo scenario. Si chiamano crisantemi, e sono il simbolo della pietà.

Foto di Jacques GAIMARD da Pixabay e di MarjanNo da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews