martedì, Novembre 30, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMusica«Neptune Frost», il musical fantascientifico che parla di migrazione e diritti

«Neptune Frost», il musical fantascientifico che parla di migrazione e diritti

Ascolta la versione audio dell’articolo

«Molto tempo fa vivevamo sulla cima di una montagna. Mia madre e mio padre erano stelle binarie». Natura, densità, il visibile e l’invisibile. Una consapevolezza che nemmeno il dubbio può scomporre. L’artista multidisciplinare Saul Williams, slam poet diventato musicista, lascia che siano il dinamismo e la visione afro-futurista del cinema a spremere tutto l’odore resinoso di questa sua giostra punk chiamata Neptune Frost, un musical fantascientifico che fonde idee e tematiche allacciate da sempre al pianeta sonoro di Williams, in particolare al suo album MartyrLoserKing (2016).

Co-diretto insieme alla moglie, l’attrice, drammaturga e regista ruandese Anisia Uzeyman, Neptune Frost si apre, secco e selvaggio, tra le colline del Burundi, dove un collettivo di hacker emerge da una comunità di minatori di coltan, risultato della storia d’amore tra un minatore e un intersessuale fuggito di casa.

Le voragini dell’essere

Ambientato tra le voragini dell’essere – passato e presente, vita onirica e veglia, mondo colonizzato e mondo libero, maschio e femmina, memoria e prescienza – Neptune Frost è una scossa alla corteccia cerebrale e un appello a rivendicare la tecnologia per fini progressisti.

Dopo il passaggio alla Quinzaine des Réalisateurs, abbiamo parlato di militanza, meraviglia virtuale e suoni afro-sonici con Saul Williams, in occasione della première nord-americana al Toronto Film Festival.

Scopri di più
Scopri di più

«I miei viaggi interiori partono tutti dalla musica . E questo film lo abbiamo concepito, da subito, prima come graphic novel poi musical» racconta Williams. Doveva essere una pièce teatrale con ballerini, coreografi, poeti e cantanti; nel 2014, produttori come Ezra Miller hanno spinto Williams e Uzeyman a creare qualcosa di più classico e generazionale: «Gran parte del processo di scrittura è avvenuto attraverso una comunicazione serrata con il cast in Ruanda, quindi rifugiati dal Burundi come Trésor Niyongabo che interpreta Psychology e Bertrand “Kaya Free” Ninteretse nel ruolo di Matalusa. Si sono aperti dicendoci in che stato versasse il Burundi prima di scappare, dalla chiusura di radio e televisione fino al blocco del web.»

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews