lunedì, Dicembre 6, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareGreen Pass, Ferrara: bar appende cartello dove rifiuta di verificarlo, multato

Green Pass, Ferrara: bar appende cartello dove rifiuta di verificarlo, multato

A Ferrara un bar ha appeso un cartello nel quale annunciava che non avrebbe verificato il Green Pass. Risultato? È stato multato.

  • Home
  • Notizie
  • Green Pass, Ferrara: bar appende cartello dove rifiuta di verificarlo, multato

Continuano in Emilia-Romagna i controlli relativi alla certificazione verde. Dopo aver sanzionato alcuni ristoranti perché c’erano clienti e cuochi sprovvisti di Green Pass, ecco che a Ferrara un bar è stato multato dopo aver appeso un cartello in cui annunciava che si rifiutava di verificare il Green Pass.

Il bar in questione è Capricci senza glutine (il nome è stato riportato anche da Il Resto del Carlino). I due titolari del locale, marito e moglie (lei proprietaria e lui collaboratore) avevano appeso un cartello sulla vetrina del bar nel quale dichiaravano che non avrebbero controllato il Green Pass ai clienti.

Tuttavia la polizia è venuta a conoscenza di quel cartello che recitava “Qui è sospeso per tutti il controllo del Green Pass” ed ecco che una pattuglia due giorni fa ha deciso di entrare per effettuare le verifiche del caso.

green pass

Entrati nel bar in via Beethoven, gli agenti hanno notato che all’interno del locale erano sedute due persone che facevano colazione. I clienti avevano entrambi il Green Pass, ma avevano anche ammesso che il certificato non era stato controllato dal personale del bar quando si erano seduti al tavolo.

Così gli agenti hanno provveduto a controllare e identificare il titolare, Susanna Pirani e il collaboratore, suo marito Luca Borghi. I due hanno spiegato che rispettavano tutte le altre normative anti Coronavirus, quindi uso delle mascherine e distanziamento, ma che non stavano controllando il Green Pass in quanto stavano aspettando una risposta del garante della privacy relativamente al fatto che, a livello europeo, la certificazione verde era stata creata solamente per agevolare i viaggi .

Questa motivazione non ha però convinto gli agenti della volante che hanno provveduto a far scattare la multa: 400 euro di sanzione. Già qualche giorno fa Borghi aveva spiegato a Il Resto del Carlino la sua posizione.

I titolari avevano precisato di non essere no vax: il loro cartello non aveva nulla a che fare con i vaccini. Dentro al bar rispettano sempre il distanziamento e l’uso delle mascherine. Tuttavia ritengono che non sia compito loro dover controllare i clienti: le loro motivazioni hanno un fondamento legale in quanto hanno aderito al gruppo “Libera Coscienza” che riunisce attualmente 200 locali in tutta Italia.

Fonte:
Il Resto del Carlino

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews