martedì, Novembre 30, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareAlimenti speciali, contestato un bando di Regione Lazio: "Prezzo basso più importante...

Alimenti speciali, contestato un bando di Regione Lazio: “Prezzo basso più importante della qualità”

Tre associazioni di pazienti contestano un bando di Regione Lazio che dà maggior peso al prezzo (basso) rispetto alla qualità nella scelta degli Alimenti ai Fini Medici Specialistici.

  • Home
  • Notizie
  • Alimenti speciali, contestato un bando di Regione Lazio: “Prezzo basso più importante della qualità”

Più importanza al prezzo (basso) che alla qualità. E così le associazioni di pazienti “Fra Parentesi”, “Anna”, “Vivere senza stomaco si può” hanno contestato un bando di Regione Lazio per la fornitura di alimenti speciali, ovvero quei preparati destinati alle persone con problemi ad assumere, digerire, assorbire o metabolizzare i normali alimenti.

Secondo le associazioni, la gara di appalto per la fornitura di prodotti nutrizionali indetta dalla Regione Lazio e pubblicata in Gazzetta Ufficiale prevede che gli Alimenti ai Fini Medici Specialistici verranno acquistati “con il solo criterio del minor prezzo di offerta, senza alcuna valutazione qualitativa”.

Ciò significa per i prossimi 2 anni tutti le persone che avranno bisogno di questi alimenti speciali nel Lazio “non riceveranno i migliori prodotti o i più efficaci tarati sui loro bisogni, ma soltanto e sempre i meno costosi, con poco riguardo nei confronti della particolare fragilità del singolo paziente destinatario. La Regione Lazio – proseguono le tre associazioni – ad oggi è l’unica regione italiana a non prevedere l’erogazione gratuita dei prodotti nutrizionali orali destinati ai Pazienti Oncologici e non, in completo disallineamento con quanto convenuto con la Conferenza Stato Regioni. Questo nuovo ulteriore passo, potrà solo fare retrocedere ancora nel servizio offerto ai pazienti in tema di nutrizione e quindi di salute. Giustissimo cercare di ‘fare efficienza’ ma non è né corretto né etico farlo a spese dei pazienti”.

Quello che chiedono le tre associazioni, infine, è di togliere gli AMFS e i prodotti da nutrizione enterale dalla standardizzazione.

 

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews