martedì, Novembre 30, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareColdiretti: inaccettabile che l'UE dia soldi alla "carne di Leonardo Di Caprio"

Coldiretti: inaccettabile che l’UE dia soldi alla “carne di Leonardo Di Caprio”

Coldiretti attacca la scelta dell’Unione Europea di finanziare con risorse pubbliche il business privato della “carne” in provetta, la stessa su cui ha investito anche Leonardo di Caprio.

  • Home
  • Notizie
  • Coldiretti: inaccettabile che l’UE dia soldi alla “carne di Leonardo Di Caprio”

“È inaccettabile che l’Unione europea finanzi con risorse pubbliche il business privato della “carne” in provetta”, quella “di Leonardo di Caprio”, tanto per intenderci, dice la Coldiretti. La denuncia parte da Tuttofood, la World Food Exibition di Milano, uno dei primi eventi di settore che si svolgono finalmente in presenza.

Dietro il business privato della “carne non carne”, dice la Coldiretti, “si nascondono rilevanti interessi economici e speculazioni internazionali dirette a sconvolgere il sistema agroalimentare mondiale”. E viene tirato in ballo anche l’investimento fatto dall’attore hollywoodiano, tra i primi a intuire le potenzialità del nuovo mercato della carne vegetale.

“Il finanziamento è stato concesso alla Nutreco e alla Mosa Meat dove ha investito anche il famoso attore americano Leonardo di Caprio che non ha certo bisogno dei soldi dei cittadini europei”, dice infatti Coldiretti. Non si tratta peraltro dell’unico episodio di personaggio pubblico – ricorda Coldiretti – che cerca di fare businees con la carne finta come dimostra il caso del magnate Bill Gates.

Leonardo DiCaprio

Il supporto finanziario è stato peraltro concesso – riferisce la Coldiretti – nell’ambito del programma React Eu che la Commissione aveva avviato per rispondere alla crisi generata dall’emergenza Covid che ha messo in ginocchio il sistema dell’allevamento in Italia e in Europa. Si rischia di sostenere una abile operazione di marketing che – sottolinea Coldiretti – punta a modificare stili alimentari naturali fondati sulla qualità e la tradizione senza peraltro aver effettuato una reale verifica indipendente sull’impatto etico ed ambientale di queste produzioni sulle quali puntano un numero crescente di multinazionali per fare affari.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews