sabato, Gennaio 29, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareScoop da Riccione: anche i cuochi preferiscono il "posto" pubblico

Scoop da Riccione: anche i cuochi preferiscono il “posto” pubblico

Il Comune di Riccione cerca cuochi per le mense scolastiche e viene sommerso di domande: ci sarà un perché?

  • Home
  • Notizie
  • Scoop da Riccione: anche i cuochi preferiscono il “posto” pubblico

Il comune di Riccione cerca cuochi per le mense scolastiche, arrivano decine di domande, e qualcuno si scandalizza: perché, nello stesso luogo e nello stesso periodo, ristoratori e albergatori hanno difficoltà a trovare personale. È la solita solfa, la gente oggi non ha più voglia di lavorare, di fare i sacrifici, di fare la gavetta eccetera, ma con un twist ancora più surreale, a sto giro. Perché se il leitmotiv della riapertura, dalla primavera 2021, è stato prendersela coi giovani che preferiscono starsene sul divano di mamma prendendo il reddito di cittadinanza, qui il paragone è tra due lavori.

E allora guardiamolo un attimo: sono due posti, solo due, di cui tra l’altro uno riservato a una categoria speciale. Trattandosi di posti pubblici tra l’altro, vi si accede ovviamente tramite concorso: e i requisiti non sono da poco, ci vuole il diploma o la qualifica professionale, la formazione HACCP, la conoscenza di inglese, di informatica, la patente; in più sono previste prove scritte e orali. Non da poco neanche le responsabilità, non sembra insomma un lavoro facile. A fronte di questo, un’assunzione a tempo indeterminato, con inquadramento secondo il contratto collettivo nazionale, tutte le tutele e le garanzie, e soprattutto un lavoro che, essendo nelle mense, si immagina diurno e nei giorni feriali.

mensa

Il bando è stato emanato a luglio ed è scaduto ad agosto: sono arrivate più di cinquanta domande, riporta Il resto del carlino, che commenta desolato: “Chef e cuochi sono merce rara per gli hotel. Da oltre un anno la difficoltà nel trovarne ha fatto passare notti insonni a tanti albergatori. Ma non è un problema di tutti”. Insomma se anche i cuochi vogliono diventare impiegati, signora mia dove andremo a finire. Strani personaggi, ‘sti cuochi. Che preferiscono la prospettiva di, ricapitolando: un posto pubblico, ben pagato, con i contributi, gli orari fissi, e a tempo indeterminato, rispetto a offerte di lavori precari, senza garanzie, spesso in nero, con straordinari obbligati ma non retribuiti, con tutti i weekend occupati, pagati poco e che possono finire da un momento all’altro. Pazzesco, ve’?

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews