domenica, Gennaio 23, 2022
Disponibile su Google Play
HomeCulturauno su 3 è vittima di bullismo

uno su 3 è vittima di bullismo

Le allergie alimentari sono un problema che sta colpendo un numero sempre maggiore di bambini. I piccoli che ne soffrono di ritrovano spesso a dover evitare determinati alimenti, per sfuggire a delle conseguenze talvolta estremamente gravi. Riuscire a rispettare delle regole alimentari rigide è molto difficile in età adulta, e può essere anche più complesso durante l’infanzia. Ad aggravare ancor di più la situazione sembrano essere adesso i compagni di scuola, e più esattamente i bulli.

Un nuovo studio pubblicato sul Journal of Pediatric Psychology dai ricercatori della Washington University rivela infatti che circa un terzo dei bambini allergici ad alcuni cibi ha subito degli atti di bullismo. Nella maggior parte dei casi si tratta di violenza verbale, ma non mancano casi di bullismo ancor più gravi, che possono persino provocare conseguenze serie per la salute del bambino sia a breve che a lungo termine.

Lo studio è stato condotto su un campione di 121 bambini e ragazzi di età compresa fra i 9 e i 15 anni che avevano una diagnosi di allergia a certi alimenti.

Allergie alimentari nei bambini e bullismo: un problema anche per l’Italia

Purtroppo il fenomeno del bullismo nei confronti dei bambini con allergie alimentari si sta diffondendo anche in Italia. Sembra infatti che, esattamente come avviene negli Stati Uniti e in altri Paesi del mondo, anche nel nostro Paese i bambini allergici siano spesso presi di mira dai bulletti della scuola.

In questi ultimi anni, in parallelo all’incremento delle allergie alimentari, i bulli hanno ben pensato di adeguarsi ai tempi, indirizzando le loro violenze anche ai ragazzi con patologie allergiche, e non solo alimentari,

ha spiegato il dottor Gianenrico Senna, presidente della Siaaic (Società italiana di allergologia, asma e immunologia clinica).

Fra i più frequenti atti di violenza registrati dallo studio statunitense si segnalano:

Ciò che preoccupa non è solamente la portata del problema, ma anche il fatto che in molti casi i genitori delle vittime non siano a conoscenza della situazione.

via | Ansa

Foto da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews