mercoledì, Gennaio 26, 2022
Disponibile su Google Play
HomeNotizieIncidente sul lavoro, 22enne muore schiacchiato all'Interporto di Bologna

Incidente sul lavoro, 22enne muore schiacchiato all’Interporto di Bologna

BOLOGNA – Incidente sul lavoro all’Interporto di Bologna (nel territorio di Bentivoglio), questa notte: durante le manovre di un camion ha perso la vita un ragazzo di 22 anni, Yaya Yafa, originario della Guinea Bissau.

A quanto si apprende, si tratta di un lavoratore interinale al terzo giorno di impiego: un facchino al lavoro nell’hub di SDA morto stanotte durante le operazioni di carico e scarico merci: il 22enne è rimasto incastrato tra una ribalta del magazzino – il punto di carico/scarico merci – e il mezzo pesante parcheggiato a ridosso per il carico merce: è dunque rimasto schiacciato fra il camion e la paratia, morendo sul colpo per lo sfondamento del torace.

Il giovane operaio, a quanto risulta, era dipendente dell’agenzia interinale InOpera e lavorava nell’ambito dell’appalto Dedalog nel magazzino Sda. Magazzino che è stato chiuso stanotte e resterà chiuso anche oggi. Le operazioni logistiche di Sda continuano negli altri magazzini del complesso. Sono intervenuti i carabinieri. Del caso si occuperà la Medicina del lavoro.

“Addolorato e rattristato” per quanto è accaduto, ora “dobbiamo capire come è successo” e lasciar spazio alle indagini. Così all’Ansa Sergio Crespi, direttore generale dell’Interporto di Bologna.

Sda, duro attacco della Cgil

“Da tempo denunciamo che il massiccio utilizzo che le aziende svolgono delle Agenzie per il Lavoro, anche in Interporto, per brevissimi contratti di lavoro, non può non prescindere dal rispetto delle norme sulla salute e Sicurezza”, attaccano la Nidil-Cgil, la Filt-Cgil e la Cgil Bologna. “E solo poche settimane fa la Filt-Cgil aveva denunciato la precarietà di quello specifico appalto nel contesto di un progetto Inail. Assistiamo in tutta la filiera Sda a contratti di un giorno, persone contattate tramite gruppi whastapp dalla sera alla mattina, senza nessun tipo di formazione adeguata. Ragazzi prevalentemente stranieri, di origine africana. Sda, peraltro di proprietà del Gruppo Poste italiane, genera precarietà nell’appaltare i servizi a cooperative che a loro volta assumono con Agenzie di Somministrazione. E’ giunto il momento che Sda si confronti con il territorio, Cgil Cisl e Uil per la responsabilità sociale dell’impresa. Garantire produttività appaltando servizi: da tempo la CGIL chiede la reinternalizzazione di questi processi, proprio a tutela della sicurezza”. Le sigle annunciano “lo sciopero nella aziende SDA, consorzio Metra, Cooperativa Dedalog e delle Agenzie di Somministrazione che lì operano. Dalle ore 13 alle ore 15 di oggi presso la sede in Interporto”.

 

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews