martedì, Gennaio 18, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMisteroDue ragazzi giapponesi incontrano alieni dall'aspetto strano

Due ragazzi giapponesi incontrano alieni dall’aspetto strano

Nel 1975, due bambini di 7 anni hanno avuto un incontro faccia a faccia con un paio di umanoidi “zannati”, che li avrebbero perseguitati per il resto della loro vita.

Qualche tempo prima delle 19:00, la sera del 23 febbraio 1975, due ragazzi delle scuole elementari, Masato Kawano e Katsuhiro Yamahata, stavano pattinando vicino all’Hinode Housing Estate a Kamimachi, Kōfu, Yamanashi, Giappone, quando notarono un paio di ” scintillante”, gli UFO arancioni che si divertono nel cielo sopra.

Metti Mi piace su anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

I ragazzi affascinati guardavano con soggezione mentre il più grande dei due oggetti si staccava e volava verso il Monte Atago, mentre il più piccolo scendeva lentamente a terra, atterrando tra i puntelli di un vigneto dietro la tenuta. I ragazzi hanno poi affermato che gli strani oggetti aerei emettevano uno strano crepitio o “ticchettio”, non dissimile da quello di un contatore Geiger.

Masato Kawano e Katsuhiro Yamahata

Inutile dire che i giovani curiosi non hanno perso tempo a togliersi i pattini ea lanciarsi nella vigna per osservare meglio questo oggetto ormai legato alla terra.

Quando i due alunni di seconda si sono avvicinati all’ex “navicella spaziale” arancione, hanno visto che era in realtà un disco argentato a cupola, alto circa 7 piedi e con un diametro di quasi 15 piedi.

Questo disco volante dalla forma classica era appollaiato su “tre gambe a forma di palla” e aveva quelli che i bambini descrivevano come “personaggi strani” in rilievo sulla superficie metallica dello scafo.

Durante l’ispezione dell’imbarcazione, sia Kawano che Yamahata sono rimasti sbalorditi – e senza dubbio un po’ spaventati – nel vedere un portello aperto sul lato dell’imbarcazione e una scala che si estende automaticamente fino al terreno sottostante.

I ragazzi guardarono in un silenzio sbalordito mentre una bizzarra creatura umanoide sbarcò dalla nave. Fu in quel momento che i ragazzi notarono un altro umanoide, più piccolo, ma dall’aspetto simile, rimasto all’interno della sala di controllo.

Kawano e Yamahata hanno riferito che la prima creatura aveva le braccia lunghe, era alta quasi 4 piedi ed era vestita con un’uniforme argentata “brillante” o riflettente.

La pelle dell’entità Kofu è stata descritta come marrone scuro e ricoperta di rughe così fitte da oscurare qualsiasi caratteristica evidente; salva tre “zanne” di metallo lunghe due pollici.

Mentre le zanne argentate sono una nuova svolta, la pelle rugosa potrebbe suonare un campanello per coloro che hanno sentito parlare dei Pascagoula Elephant Men. Questo strano turista alieno apparentemente iniziò a esplorare il terreno, apparentemente ignaro del duo affascinato che lo fissava.

Questo finché non si è girato bruscamente e ha messo una delle sue “mani” sulla spalla di Yamahata, accarezzandolo due volte ed emettendo una serie di suoni che sembravano ai ragazzi: “come un registratore che corre all’indietro”. A questo punto Yamahata è crollata a terra, paralizzata.

Sebbene il suo amico credesse che ciò fosse causato dalla paura, chiunque abbia familiarità con i cosiddetti incontri ravvicinati del 3° tipo può attestare che gli esseri umani sono spesso posti in uno stato di animazione quasi sospesa da visitatori extraterrestri in, cosa si deve supporre, è uno sforzo per impedire loro di ferire se stessi o chiunque altro.

Non appena uno Yamahata è caduto, Kawano – esibendo un encomiabile attacco di coraggio per uno così giovane – ha rapidamente tirato il suo amico sulle sue spalle e lo ha trascinato via da questi assalitori alieni vampiri il più rapidamente possibile.

Al ritorno a casa, i ragazzi, ormai quasi isterici, hanno immediatamente informato le loro madri di questo bizzarro incontro ravvicinato. Le loro madri curiose – ma quasi certamente incredule – hanno seguito i loro figli chiaramente turbati sul retro dell’Hinode Housing Estate, dove, con loro grande sorpresa, hanno confermato di aver visto una luce arancione che pulsava nel vigneto.

Questo strano spettacolo di luci continuò per cinque minuti. Prima che i ragazzi potessero convincere le loro madri a indagare sullo strano velivolo a distanza ravvicinata, l’UFO si è lanciato con un’esplosione di luce così brillante che i testimoni oculari sono stati costretti a distogliere lo sguardo.

Va notato che mentre Yamahata e Kawano erano gli unici ad aver effettivamente visto gli alieni, il loro compagno di classe – Ichiro Minegishi di 8 anni – ha anche riferito di aver visto un oggetto brillante volare verso l’Hinode Housing Estate mentre stava cavalcando in un’auto con i suoi genitori vicino al Kōfu Bypass, circa mezz’ora prima che i ragazzi affermassero di aver scoperto l’UFO.

Il giorno seguente, Kawano e Yamahata hanno affascinato un pubblico di studenti e insegnanti della scuola elementare Yamashiro, mentre disegnavano e raccontavano la storia straziante del loro incontro alieno.

Non passò molto tempo prima che il brusio avvolgesse l’intera scuola e le autorità educative – con quella che, almeno nel 21° secolo, sembra essere un’insolita apertura mentale – decisero che avrebbero ispezionato l’area da soli.

I funzionari della scuola sono arrivati ​​armati di qualsiasi attrezzatura potessero procurarsi e hanno immediatamente notato che due solidi pali di cemento erano stati “spinti” sul luogo dell’atterraggio.

È stato stabilito che i ragazzi non sarebbero stati in grado di svolgere da soli questo compito di vandalismo apparentemente intergalattico. Questa squadra investigativa ha anche trovato quelle che hanno definito “tracce di atterraggio” e un modello di anello nel terreno vicino ai pali di cemento rotti dove è atterrato l’UFO.

C’erano diversi buchi nel terreno dove i ragazzi hanno detto che la nave era atterrata, altri 50-60 centimetri nel terreno con una sostanza polverosa bianca che ricordava la cenere al centro.

Un professore di liceo ha visitato il sito e ha prelevato campioni di terreno da quel sito per i test. Quando ha testato i campioni, ha scoperto che contenevano livelli di radiazioni innaturalmente elevati.

Più tardi, altri professori ed esperti hanno confermato le sue scoperte e hanno stabilito che la radiazione molto probabilmente proveniva da un oggetto estraneo a contatto con il suolo, che fosse un UFO, un meteorite o qualche tipo di sostanza radioattiva lanciata vicino al suolo. Il professore che ha eseguito il test iniziale era Susumu Maeda, specializzato in radiologia.

Dopo l’evento, entrambi i ragazzi sono stati interrogati a fondo dai loro genitori, dal loro maestro di scuola, Nobuyoshi Kaneko, e hanno notato l’investigatore UFO Masaru Mori – le storie sono rimaste allarmantemente coerenti.

Non sorprende che le autorità del Ministero dei trasporti dell’aviazione civile abbiano affermato che l’UFO non era altro che le luci dell’aereo a elica YS-ll, che spesso volava a un’altitudine di mille metri ed era visibile ad occhio nudo.

Apparentemente hanno riservato commenti sul fatto che questo aereo potesse o meno assumere anche la forma di piccoli umanoidi dalle orecchie appuntite e dalle zanne.

Yamahata e Kawano non hanno mai dubitato della loro storia e nel 1982, all’età di 14 anni, hanno entrambi rivisitato l’incidente. Nel 2001 hanno preso parte a uno spettacolo durante il quale sono stati entrambi portati in stanze diverse e ipnotizzati. Durante l’ipnosi, hanno nuovamente raccontato ciò che avevano detto prima.

Ora entrambi hanno più di 50 anni e continuano a insistere che hanno visto esattamente quello che hanno visto.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews