martedì, Novembre 30, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaSquid game non è adatta ai bambini: allerta scuole Belgio

Squid game non è adatta ai bambini: allerta scuole Belgio

“Squid Game” è la serie Netflix del momento: da settimane non si parla d’altro. Il suo grande successo, tuttavia, non è dovuto ai soli spettatori adulti. Anche i bambini la guardano e, a quanto pare, con conseguenze potenzialmente pericolose. Tanto che diverse sono state le segnalazioni da parte delle scuole sia in Belgio che in Uk sui casi di emulazione della serie sudcoreana. Serie che contiene violenza grafica, contenuti sessuali e temi per adulti che, come ben immaginate, non risultano adatti ad un pubblico giovane, giovanissimo, in questo caso.

Squid Game, il successo della serie

Per chi non sapesse ancora di cosa si tratta, “Squid Game” è una delle serie di successo di Netflix degli ultimi tempi. La trama vede i concorrenti competere nei giochi dell’infanzia per ottenere un cospicuo premio in denaro. Lo spettacolo è diventato virale attraverso meme, TikTok e discussioni sui social media. Impossibile non esserne a conoscenza: ciò significa, quindi, che i bambini non fanno eccezione.

Potrebbe essere paragonato a “The Hunger Games”: nei fatti, è uno show in stile sopravvivenza nel quale i i concorrenti devono vincere la giornata per evitare di essere assassinati. Comporta un tuffo profondo nelle parti più oscure della psiche umana alla cui base c’è una competizione con conseguenze mortali per i perdenti.

Squid game, l’allarme delle scuole

Nelle scuole di Belgio, Australia e Uk, c’è un vero allarme Squid Game. Diverse sono state le segnalazioni presentate da alcuni istituti su casi di imitazione dei meccanismi della serie. Nello specifico, i bambini prendono a schiaffi e a frustate i coetanei che perdono al gioco “1, 2, 3, stella“, l’innocuo passatempo al quale tutti abbiamo giocato durante l’infanzia.

Se nella serie la pena è la morte, qui è comunque la violenza. Questo è successo, ad esempio, all’Erquelinnes Béguinage Hainaut, in Belgio. Da qui, la richiesta da parte di alcuni istituti scolastici rivolte ai genitori dei propri alunni di non far vedere la serie – peraltro vietata ai minori di 16 anni – ai propri figli.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews