martedì, Novembre 30, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaCovid, i bambini si infettano meno a scuola che in famiglia

Covid, i bambini si infettano meno a scuola che in famiglia

Il rischio di contagio da Covid 19 per i bambini è più alto in famiglia piuttosto che a scuola. La scoperta arriva dagli autori di uno studio condotto presso l’Azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini di Roma, i quali hanno constatato che nelle aule scolastiche il rischio di infettarsi è minore rispetto a quello che si registra nelle case dei piccoli studenti.

Non a caso, le stime confermano come l’inizio della scuola non abbia provocato un’impennata del numero dei contagi giornalieri in Italia, perlomeno fino a questo momento.

Per il loro lavoro, gli autori hanno esaminato i dati di circa 3000 bambini. Dallo studio dei dati sono giunti alla conclusione che dopo una sospetta esposizione a un soggetto malato, l’infezione viene contratta dai bambini più raramente a scuola che a casa.

Covid, meno contagi a scuola che a casa per i bambini

Una volta contagiati, i bambini sono però in grado di diffondere l’infezione ai loro familiari.

Indipendentemente dalla loro età, sia i bambini della materna che quelli delle elementari o i ragazzi delle superiori riescono a contagiare circa il 30% dei loro familiari,

spiegano gli autori della ricerca, pubblicata nei giorni scorsi sulle pagine dell’Italian Journal of Pediatrics.

Le ragioni di un simile fenomeno sono semplici da intuire. A scuola l’ambiente è più controllato rispetto a ciò che avviene nelle case. Insegnanti e dirigenti mettono in atto con maggiore cura le regole di sicurezza. Nonostante siamo ormai tutti consapevoli che proprio i bambini potrebbero favorire la diffusione del virus, molte persone non mettono in pratica le stesse regole di prevenzione anche in casa.

Come sottolineano gli autori della ricerca, questa informazione è tuttavia molto importante. Proprio i bambini potrebbero infatti diventare – loro malgrado – un mezzo di contagio per i familiari, mettendo a rischio coloro che non hanno ancora ricevuto il vaccino.

via | AdnKronos

Foto da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews