lunedì, Dicembre 6, 2021
Disponibile su Google Play
HomeViaggiL’altra Venezia. Viaggio alla scoperta delle isole segrete e i sapori di...

L’altra Venezia. Viaggio alla scoperta delle isole segrete e i sapori di laguna

«Si venne formando all’estremità superiore del mare Adriatico una vasta palude, la quale talvolta sommersa, venne in parte abbandonata dalla marea. I punti più elevati furono occupati, rafforzati coll’arte, e per tal guisa sorse Venezia, formata di un complesso di cento isole, e circondata di cento altre». Molte di quelle cento isole che Goethe menziona nei sui “Ricordi di viaggio in Italia” (era il 1786) oggi non esistono più – sommerse dalle acque che gli scavi di canali profondi alle bocche di porto hanno fatto innalzare, con danni anche alla città colpita dalle alte maree – eppure le isole che rimangono, a volte protette dal mare da argini artificiali, sono oggi luoghi vivi capaci di emozionare.

Torcello

Paesaggi, luci, natura , ma anche incontri, sapori ed esperienze promettono al visitatore una Venezia “altra”. E mentre il jet-set internazionale si dà appuntamento al Lido per la Mostra del Cinema della Biennale, tra Burano e Mazzorbo, Torcello e San Francesco del Deserto si respira un’atmosfera differente, rilassata e naif eppure autentica espressione del mondo lagunare.

Tra archeologia e sapori

Se è vero che – per dirla con Thomas Mann – «in nessun altro modo se non per nave, dall’ampio mare, si sarebbe dovuto porre il piede nella città inverosimile tra tutte», un punto di partenza ideale è l’ingresso a nord in laguna da Altino, a breve distanza dall’aeroporto. Intorno al prezioso Museo Archeologico della cittadina (ig @museoaltino) si estende un’area archeologica ampia, oggi in gran parte interrata. Altino era un’urbe importante nella prima età imperiale – con una enorme attività portuale e produttiva – mentre il vescovado di Torcello contava migliaia di abitanti e ricchi insediamenti benedettini.

Da Altino si può partire con il trasporto di linea gestita da Laguna Fla (www.lagunafla.it) che collega ogni giorno Altino a Torcello, Burano e San Francesco del Deserto, ma anche con il tradizionale Bragozzo o con un cofano a fondo piatto incrociando le 72 isole emerse in laguna, ammirando flora e fauna di un contesto ambientale unico al mondo. Oltre agli itinerari classici (Burano, Murano, Torcello), è possibile navigare tra isole abbandonate o private. I fratelli Massimiliano e Pier Paolo Zane accompagnano gli ospiti anche in programmi serali e giornate di meditazione.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews