lunedì, Dicembre 6, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaBitmain sospende le spedizioni verso la Cina continentale

Bitmain sospende le spedizioni verso la Cina continentale

Il divieto della Cina sulle attività nel settore delle criptovalute sta costringendo le aziende a lasciare il paese, e Bitmain è solo l’ultimo a prendere tale decisione

Bitmain, il produttore numero uno al mondo di macchine per il mining del bitcoin, ha rivelato che non spedirà più i suoi miner nella Cina continentale. La decisione è stata presa a seguito del divieto imposto dalla Cina ai fornitori di servizi di criptovaluta e alle attività correlate.

L’azienda ha annunciato la decisione ieri attraverso il suo account ufficiale su WeChat, affermando che intende seguire le normative locali. Di conseguenza l’azienda, che ha sede proprio in Cina, ha detto che sospenderà le consegne nazionali a partire da oggi. Tuttavia, continuerà a consegnare le sue macchine atte al mining ai miner di criptovaluta in altre parti del mondo.

Altre notizie circolate lasciano intendere che Bitmain stia cercando di spostare le sue operazioni al di fuori della Cina proprio a causa del giro di vite sui fornitori di servizi di criptovaluta da parte del governo. Bitmain potrebbe spostare le sue attività in un paese più favorevole all’industria delle criptovalute.

La sospensione delle consegne in Cina non dovrebbe influenzare le prestazioni di Bitmain nel breve termine. Le vendite dell’azienda in Cina sono in calo già da alcuni mesi a causa del giro di vite del governo cinese sulle attività di crypto mining.

Negli ultimi mesi, numerose province della Cina, tra cui Anhui e Sichuan, hanno vietato le attività di crypto mining, costringendo i cripto minatori a spostarsi in Nord America e nell’Europa orientale. Il Nord America è diventato la sede di alcune delle maggiori “fattorie” di mining delle criptovalute nel mondo.

La spinta all’uso di energia rinnovabile per estrarre criptovalute, guidata da personaggi come Elon Musk e Michael Saylor, ha reso il Nord America una regione attraente per molti miner. Il prezzo del bitcoin ha recuperato dal suo calo nel secondo e terzo trimestre dell’anno.

Al momento della scrittura, BTC è scambiato sopra il livello dei 56.000 dollari, appena il 13% in meno rispetto al suo massimo storico sopra i 64.000 dollari. Con l’attuale performance del mercato, molti esperti e appassionati di criptovalute sono ottimisti sul fatto che bitcoin potrebbe superare il livello dei 100.000 dollari già entro la fine dell’anno.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews