domenica, Gennaio 23, 2022
Disponibile su Google Play
HomeNotizieLibano, black-out totale: le centrali del Paese sono rimaste senza carburante

Libano, black-out totale: le centrali del Paese sono rimaste senza carburante

Il Libano è al buio, immerso in un black-out totale che secondo fonti ufficiali – riportate dall’agenzia di stampa Reuters – durerà ancora giorni. La rete elettrica è stata completamente bloccata dopo che i due principali impianti di Al-Zahrani e Deir Ammar hanno esaurito il carburante e la produzione di energia è scesa al di sotto dei 200 megawatt. Le due centrali insieme forniscono circa il 40% dell’elettricità, senza di loro l’intero Paese è costretto a fare affidamento su generatori privati. Ma l’Onu stima che il 78% della popolizione vive in condizioni di povertà e l’interruzione della corrente potrebbe peggiorare la crisi umanitaria che dilaga nel Paese con la disoccupazione in aumento e il crollo della valuta.

 

Il Libano al buio: manca la valuta, spente le centrali elettriche

di

Vincenzo Nigro

10 Luglio 2021

Sono mesi, infatti, che i libanesi vivono un pesante collasso economico aggravato dall’insufficienza di servizi essenziali come energia elettrica e carburante. Molte aziende sono state costrette a chiudere a causa della crisi del carburante, tante persone si sono affidate al mercato nero per rifornirsi del necessario e file chilometriche hanno riempito i distributori di benzina scatenando spesso scontri e violenza. Ad agosto, almeno 20 persone sono state uccise e 79 ferite dopo che un serbatoio di carburante è esploso in un magazzino nel nord del Libano, dove veniva distirbuito illegalmente. Mentre l’ultimo black-out prolungato risale al 20 settembre, quando l’assenza di corrente aveva interrotto il voto di fiducia del Parlamento al nuovo governo guidato dal premier Najib Maiqati.

Dopo un anno di governo provvisorio spetterà al nuovo esecutivo cercare di risollevare il Libano da una delle crisi economiche peggiori al mondo secondo la Banca Mondiale. L’esplosione al porto di Beirut avvenuta lo scorso anno nel porto di Beirut ha causato tra i 3,8 e 4,5 miliardi di danni perché il 90% dell’import libanese avveniva attraverso lo scalo.

 

Il Libano ha un nuovo governo dopo 13 mesi di stallo

di

Vincenzo Nigro

10 Settembre 2021

 

 

 

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews