mercoledì, Gennaio 26, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMisteroLa tecnologia del mantello dell'invisibilità come in Predator può presto essere reale

La tecnologia del mantello dell’invisibilità come in Predator può presto essere reale

Il mantello dell’invisibilità ultrasottile per la luce visibile può essere utilizzato per nascondere un oggetto alla vista guidando la luce attorno ad esso, la tecnologia del mantello dell’invisibilità come in Predator può presto essere reale, riferisce il gruppo Xiang Zhang del Berkeley Lab presso Science AAAS.

Nel film “Predator”, un alieno usa una tecnologia del mantello dell’invisibilità per nascondersi in bella vista, ma il risultato è tutt’altro che perfetto: la speranza dell’alieno di nascondersi è ostacolata dalle distorsioni dell’illuminazione che si piegano intorno ad esso.

Metti Mi piace su anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Ora, i ricercatori hanno costruito un “mantello dell’invisibilità” ultrasottile che aggira questa sfida, trasformando gli oggetti in specchi piatti perfetti.

“Niente eccita i fan di Harry Potter più del desiderio di possedere un mantello dell’invisibilità. Bene, se tutto va bene, potremmo averne uno solo”, afferma Anjali Bisaria dell’India Times.

I mantelli dell’invisibilità sono progettati per curvare la luce attorno a un oggetto, ma i componenti che lo fanno sono solitamente difficili da modellare e funzionano solo da angoli stretti.

Tuttavia, il nuovissimo mantello elimina questo problema, è abbastanza sottile e flessibile da poter essere avvolto attorno a un oggetto di qualsiasi forma, hanno spiegato gli scienziati. Potrebbe anche essere “sintonizzato” in modo che corrisponda indipendentemente dallo sfondo dietro di esso, o può persino produrre illusioni su ciò che c’è, hanno aggiunto.

C’è tuttavia uno svantaggio: se Harry Potter indossasse questo mantello, dovrebbe rimanere fermo affinché funzioni, perché l’accordatura deve essere adattata allo sfondo.

Andrea Alù, professore associato di ingegneria elettrica presso l’Università del Texas ad Austin, ha condotto studi approfonditi sui sistemi di occultamento. È scettico sul fatto che gli scienziati possano creare il tipo di illusione spiegata da Zhang.

“Avevano un piccolo oggetto, una piccola protuberanza”, ha detto Alù a WordsSideKick.com. “Con un oggetto più grande, non posso trarne vantaggio… quando lo illumino, una parte non è illuminata; è in ombra.” In quanto tale, l’illusione del riflettore ideale sarebbe rotta, ha affermato.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews