mercoledì, Gennaio 26, 2022
Disponibile su Google Play
HomeCulturai rischi per la salute delle ossa

i rischi per la salute delle ossa

Quello della sedentarietà è ormai un problema che riguarda in larga parte anche i bambini, e non più solamente gli adulti. A parlare dei rischi legati alla mancanza di attività fisica nei giovani e nei giovanissimi è stato il dottor Pasquale Guida, chirurgo ortopedico che, in occasione del ventitreesimo Congresso della Società italiana di Ortopedia e Traumatologia Pediatrica (Sitop), ha spiegato che più i bambini sono sedentari, maggiori sono i problemi che riporteranno nel corso della vita.

Già pochi giorni fa l’esperto aveva spiegato che lockdown e chiusure, che si sono alternati nell’ultimo anno a causa del Covid, hanno portato adulti e bambini a trascorrere molto tempo in casa, perlopiù incollati agli schermi di smartphone, tablet e cellulari.

Tutto ciò sembra aver influenzato i riflessi dei bambini. I nostri figli sono diventati sempre meno agili, e quindi più propensi a farsi male anche durante delle cadute di poco conto.

Bambini sedentari e salute delle ossa: cosa succede se non si fa sport ?

Ma che dire della salute delle ossa? La sedentarietà influenza anche questo aspetto della salute dei bambini? La risposta purtroppo è si. La mancanza di attività fisica causa un indebolimento e una maggiore demineralizzazione delle ossa, e lo spiega lo stesso Guida:

È stata rilevata una correlazione diretta tra movimento e mineralizzazione delle ossa, per cui la sedentarietà provoca demineralizzazione e indebolimento della massa ossea, cioè diminuzione dei mattoncini che compongono le ossa.

A questo si aggiunge il fatto che durante i lunghi periodi di inattività i bambini mangiano spesso cibi poco sani e molto calorici, raggiungendo così pericolosi stati di sovrappeso e obesità, che a sua volta provocheranno non tanto un incremento del numero delle fratture, ma certamente un peggioramento della loro gravità e complessità.

Nel caso dei giovani pazienti il trauma diventa ancora più pericoloso perché parliamo di soggetti che hanno una lunga aspettativa di vita.

Prendere atto di questa situazione è senz’altro il primo passo per riuscire a fronteggiarla e arginarne i potenziali effetti nocivi per la salute delle generazioni future.

via | Ansa
Foto di Mirko Sajkov da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews