martedì, Gennaio 18, 2022
Disponibile su Google Play
HomeScienzaCovid: anticorpi nel latte materno per dieci mesi

Covid: anticorpi nel latte materno per dieci mesi

Secondo quanto rilevato da uno studio, presentato online durante il Global Breastfeeding and Lactation Symposium, gli anticorpi contenuti nel latte di mamme guarite dalla covid possono durare fino a 10 mesi e, oltre a proteggere i neonati, potrebbero servire anche per curare chi contrae la malattia in forma grave.

Guarite. Analizzando il latte materno di 75 donne guarite dalla covid, gli studiosi hanno scoperto che l’88% conteneva non immunoglobuline G (IgG) – normalmente presenti nel sangue e stimolate dai vaccini -, ma immunoglobuline A (IgA) secretorie, un tipo di anticorpi che si attacca ai tratti respiratori e digestivi del bambino, bloccando il passaggio di virus e batteri. Ulteriori studi hanno poi permesso di rilevare che le IgA rimangono nel latte materno fino a 10 mesi: «Se una mamma continua ad allattare, il bambino continua a essere protetto», afferma Rebecca Powell, coordinatrice dello studio.

Vaccinate. In un altro studio di luglio scorso lo stesso team di ricercatori aveva analizzato gli anticorpi contenuti nel latte di 50 mamme vaccinate, rilevando una maggiore presenza di IgG rispetto a IgA ed evidenziando una sostanziale differenza tra gli effetti dei vaccini a mRNA e quelli di vaccini di altro tipo: «Il livello di anticorpi prodotto dai vaccini a mRNA è molto più alto rispetto ad altre tipologie di vaccino», sottolinea Powell. Se è vero che per proteggere noi stessi dall’infezione non è necessario che gli anticorpi raggiungano livelli altissimi, affinché passino dal sangue al latte materno devono invece essercene in grandi quantità: questo sarebbe il motivo per cui le mamme immunizzate con il vaccino di Johnson & Johnson (a vettore virale e non a mRNA) sono risultate essere quelle con meno anticorpi nel proprio latte. Tra Pfizer e Moderna, invece, i risultati migliori li ha dati Moderna, che induce una produzione maggiore, seppure moderata, di IgA.

Una nuova cura? Un interessante risvolto dello studio riguarda la terapia anticovid: secondo i ricercatori, le IgA secretorie potrebbero servire per curare pazienti adulti che hanno contratto la covid in forma grave, scongiurando un ulteriore peggioramento dell’infezione. «Le IgA secretorie si trovano nelle mucose, e lì sopravvivono e funzionano bene», spiega Powell: «la terapia si potrebbe somministrare attraverso un nebulizzatore, e servirebbe a evitare il ricovero in terapia intensiva di un paziente grave.»

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews