martedì, Gennaio 18, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareVendemmia 2021, parla il presidente della Colli Fiorentini: "I prezzi delle bottiglie...

Vendemmia 2021, parla il presidente della Colli Fiorentini: “I prezzi delle bottiglie saliranno”

Secondo Ritano Baragli, presidente della Cantina Sociale Colli Fiorentini, la vendemmia 2021 porterà con sé un innalzamento dei prezzi.

  • Home
  • Notizie
  • Vendemmia 2021, parla il presidente della Colli Fiorentini: “I prezzi delle bottiglie saliranno”

Il vino ricavato dalla vendemmia 2021 sarà buono, ma avrà prezzi più alti: è questa la previsione di Ritano Baragli, presidente della Cantina Sociale Colli Fiorentini, durante le ultime battute dell’annuale operazione di raccolta delle uve. Dati alla mano, il presidente sottolinea come l’annata sia stata segnata da un brusco calo della produzione, con alcuni soci della Cantina che sono arrivati a perdere anche il 50% della loro produzione.

L’origine dei problemi, ovviamente, è da ricercare nell’instabilità climatica, e più precisamente nella “gelata di aprile e la siccità di luglio e agosto”, come spiega Baragli. Una sentenza, quella del clima, quanto mai perentoria. C’è da dire però che non tutto il male viene per nuocere: al di là dei problemi climatici, infatti, il 2021 si distinguerà particolarmente da un punto di vista qualitativo. Secondo il presidente della Colli Fiorentini quella corrente “sarà un’annata da ricordare perché le uve sono sane, e quindi ci aspettiamo dei buoni vini.”

Di nuovo, tuttavia, la vendemmia 2021 presenta il rovescio della medaglia: “I consumatori dovranno attendersi un aumento dei prezzi, non soltanto come conseguenza della produzione inferiore, ma anche per via di una serie di rincari che si stanno presentando, dall’energia alle bottiglie, fino ai cartoni: costi che stanno lievitando, e che porteranno a un incremento del prezzo della bottiglia per il consumatore”.

Le stesse problematiche suscitano altrettante preoccupazioni anche per la produzione olearia. “La siccità ci porta ad avere un carico di olive molto basso” spiega Baragli. “Quindi, anche se in questi mesi non ci sono stati attacchi significativi da parte della mosca olearia, anche qui ci aspettiamo un’annata scarsa in termini di produzione di olio. I nostri agricoltori dovranno leccarsi le ferite”.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews