venerdì, Dicembre 3, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaIl presidente della Fed non vuole vietare le criptovalute

Il presidente della Fed non vuole vietare le criptovalute

La Cina ha preso una posizione dura sulle criptovalute negli ultimi anni, ma non tutti i paesi intendono perseguire questa strada

Il presidente della Federal Reserve degli Stati Uniti, Jerome Powell, ha dichiarato che non intende vietare le criptovalute nel Paese. Powell ha aggiunto, tuttavia, che intende regolamentare le stablecoin e aumentare la supervisione del mercato da parte della Fed.

Il presidente della Fed ha fatto questi commenti ieri mentre parlava al Comitato per i servizi finanziari della Camera. All’incontro ha partecipato anche il segretario al Tesoro Janet Yellen, con il comitato della Camera che ha chiesto al duo la risposta alla pandemia della Federal Reserve e del Dipartimento del Tesoro e anche alcune domande sulle criptovalute.

La Cina ha preso una posizione dura sulle criptovalute negli ultimi mesi. La People’s Bank of China (PBoC) ha annunciato il mese scorso che tutti i servizi e le transazioni relativi alle criptovalute sono ora illegali in Cina. La mossa ha costretto molte entità di criptovaluta a chiudere le loro operazioni in Cina e trasferirsi in altre parti del mondo.

Il rappresentante Ted Budd (RN.C.), che è un popolare sostenitore delle criptovalute, ha chiesto a Powell della sua dichiarazione a luglio quando ha affermato che lo sviluppo di una valuta digitale della banca centrale degli Stati Uniti (CBDC) potrebbe eliminare la necessità di stablecoin e criptovalute private.

Budd ha chiesto al presidente della Fed se intendesse vietare o limitare l’uso delle criptovalute e Powell ha detto di no. Tuttavia, ha aggiunto di essere più preoccupato per le stablecoin.

Powell ha affermato che le stablecoin non rientrano, in una certa misura, nei parametri normativi. Per questo è importante che siano regolamentati. La Federal Reserve degli Stati Uniti ha parlato della necessità di regolamentare le attività degli emittenti di stablecoin.

Le stablecoin hanno registrato una crescita massiccia negli ultimi anni. Tether (USDT) e USDC sono attualmente le stablecoin più grandi al mondo e sono utilizzate da vari scambi di criptovalute. A causa della loro natura denominata in dollari, la Fed è preoccupata per la loro mancanza di regolamentazione.

Gli Stati Uniti, come la maggior parte dei paesi a livello globale, devono ancora istituire regolamenti definitivi sul più ampio spazio delle criptovalute. Tuttavia, le agenzie di regolamentazione si stanno concentrando ora sullo spazio cripto al fine di regolamentarne le attività.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews