domenica, Gennaio 23, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMangiareNocciole made in Italy: la domanda cresce ma la produzione cala del 70%

Nocciole made in Italy: la domanda cresce ma la produzione cala del 70%

È un vero e proprio cortocircuito quello che colpisce la produzione di nocciole made in Italy. Da un lato infatti la domanda è in forte crescita sulla scorta delle proprietà salutistiche della frutta secca, ma anche di un uso sempre più diffuso nell’industria dolciaria. Un trend di crescita dei consumi che ha spinto molti imprenditori in Italia a investire per realizzare nuovi impianti anche in aree non tradizionalmente vocate. Si contano infatti dal 2018 a oggi circa 5mila nuovi ettari di noccioleti.

I risultati di questi investimenti però ancora non sono visibili e anzi a lasciare il segno sui raccolti 2021-22 saranno ancora le difficili condizioni climatiche (con gelate primaverili e prolungata siccità nei mesi estivi). La produzione infatti non andrà oltre le 45 massimo 48mila tonnellate contro le 136mila dello scorso anno, un calo pari quindi a un meno 67%.

Loading…

A lanciare l’allarme è Agrinsieme, il coordinamento che riunisce Cia-Agricoltori italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari. Per Agrinsieme la produzione di nocciole in Italia, secondo produttore mondiale alle spalle della Turchia quest’anno registrerà un vistoso calo produttivo in tutte le aree più vocate. Si andrà infatti dal -55% in Piemonte al -70% in Lazio e Campania e addirittura al -80% in Sicilia.

Le cifre sono state rese note da Agrinsieme nel corso dell’annuale incontro bilaterale sulle nocciole tra i Paesi dell’Unione Europea e la Turchia. La bilaterale è un appuntamento importante per l’approfondimento degli andamenti produttivi del settore e per l’armonizzazione delle regole fra Ue e Turchia, sottolineano ad Agrinsieme che ha reso noto anche come alla riunione hanno preso parte delegazioni di Turchia, Italia, Francia, Spagna e rappresentanti della Dg Agri della Commissione Europea.

Secondo Agrinsieme sul previsto calo produttivo delle nocciole ha pesato l’anomalo andamento meteo, caratterizzato da gelate primaverili, prolungata siccità, temperature superiori alla media stagionale e scarsa impollinazione, ma anche altri fattori, quali i danni dagli attacchi parassitari di cimice asiatica e cimice del nocciolo e quelli causati dalla fauna selvatica alle colture.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews