mercoledì, Dicembre 8, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMisteroIl misterioso oggetto simile a una cometa ha lampeggiato 4 volte e...

Il misterioso oggetto simile a una cometa ha lampeggiato 4 volte e ha sorpreso gli scienziati

Gli scienziati hanno registrato quattro brillamenti super luminosi della cometa 29P. Secondo gli astrofisici, ha lampeggiato 250 volte più forte del solito. Il primo focolaio si è verificato sabato, due domenica e l’ultimo lunedì.

Secondo il New York Times, per la prima volta gli astronomi hanno visto quattro brillamenti a questa velocità.

Metti Mi piace su anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

“Alcune persone lo chiamano un superflare”, ha detto l’astrofisica della National Science Foundation Maria Womack. “Ci vuole molta energia per farlo.”

Tuttavia, le ragioni dei superflares sono ancora sconosciute ai ricercatori.

“Non conosciamo la ragione di questo fenomeno”, ha detto il dottor Womack. “E questo è ciò che lo rende così interessante.”

L’astronomo Katzper Wejjos dell’Università dell’Arizona ha definito la 29P (la cometa Schwassmann-Wachmann) “strana sotto molti aspetti”. A differenza della maggior parte delle comete, non vola bruscamente verso il Sole e poi torna ai confini esterni del Sistema Solare.

Invece, questa cometa larga 60 km ruota in un’orbita circolare. Questo oggetto spaziale è “sempre attivo e mai spento”, afferma il dott. Womack.

Tale attività cometaria potrebbe essere il risultato della predominanza del monossido di carbonio, un gas volatile. Gli astronomi osservano circa sette brillamenti 29P all’anno.

“Nessun’altra cometa conosciuta nel sistema solare sperimenta brillamenti di questa frequenza e intensità”, ha affermato il dott. Wejjos.

Tuttavia, gli astronomi dilettanti hanno iniziato a porsi la domanda se si trattasse davvero di una cometa. Alcuni suggeriscono che l’oggetto misterioso potrebbe essere sonde di altre civiltà avanzate.

29P è una grande cometa, scoperta il 5 novembre 1927 dagli astronomi tedeschi Arnold Schwassmann e Arnaud Arthur Wachmann all’Osservatorio di Amburgo.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews