giovedì, Dicembre 9, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareFibra di banana per gli imballaggi alimentari: l'idea sostenibile dall'Australia

Fibra di banana per gli imballaggi alimentari: l’idea sostenibile dall’Australia

La fibra di banana proviene da tronchi di palma di banana ed è un sottoprodotto della produzione di banane, il che significa che è rinnovabile e già coltivata in abbondanza.

  • Home
  • Notizie
  • Fibra di banana per gli imballaggi alimentari: l’idea sostenibile dall’Australia

L’azienda Papyrus Australia ha recentemente completato un test che ha dimostrato la fattibilità commerciale dell’utilizzo di fibra di banana raffinata al 100% nella produzione di imballaggi alimentari stampati come scatole per pizza, per hamburger, contenitori per pasti e piatti da portata.

La fibra di banana proviene da tronchi di palma di banana ed è un sottoprodotto della produzione di banane, il che significa che è rinnovabile e già coltivata in abbondanza. Ci sono circa 3000 ettari di piantagioni di banane in Australia e si stima che a livello globale le piantagioni di banane coprano più di 10 milioni di ettari, con circa 2,2 miliardi di tonnellate di rifiuti agricoli creati ogni anno.

Sfruttando questo prodotto di scarto agricolo disponibile a livello globale nella produzione di imballaggi alimentari stampati, i vantaggi ambientali sono importanti. I tronchi di banana sono una fonte di fibra rinnovabile e sostenibile. L’utilizzo di un prodotto che altrimenti sarebbe andato sprecato riduce le emissioni.

Secondo quanto riferisce la Papyrus Australia, il processo brevettato di conversione del tronco di palma di banana in fibra raffinata è privo di rifiuti e di sostanze chimiche. La fibra di banana inoltre è resistente all’acqua e ignifuga, ma si decompone naturalmente in discarica.

L’amministratore delegato di Papyrus Australia, Ramy Abraham Azer, ha dichiarato: “Anche se in passato abbiamo realizzato prodotti stampati in Australia, Cina ed Egitto, tutti provenivano da fibre preparate in condizioni di laboratorio e con cicli di stampaggio molto limitati. Ora siamo in grado di produrre fibra “su misura” su base giornaliera presso il nostro stabilimento di Sohag che viene successivamente modellata in uno stabilimento di stampaggio standard di serie per un intero turno.

“Inoltre, siamo fiduciosi di poter ora sfruttare i vantaggi unici che la fibra di banana ha per ottimizzare il prodotto finale e per ottenere prodotti che altre fibre non sono in grado di produrre”.

Fonte:
foodprocessing.com

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews