giovedì, Dicembre 9, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaQuella panchina che indica l’Europa

Quella panchina che indica l’Europa

La parabola di un predestinato

La libertà, impossibile nelle gabbie di oggi, è la forza della storia di Mancini e di questo libro che la sa cogliere nelle pieghe dei gol e anche delle liti violente: «A 16 anni volava in contropiede, a 26 dosava i suoi affondi per piazzarli nei momenti più importanti, a 36 non gliene rimaneva neanche uno, in un calcio già abituato ad altri ritmi, ma sapeva comunque prendere il tempo a un difensore, ingannarlo, illudere con un colpo di tacco un intero stuolo di uomini intenti a fermarlo». Bellezza accecante ravvivata da una personalità pensante (quanti atleti lo sono?) ma offuscata da tante ombre: il poco azzurro vestito in carriera o i momenti di rabbia molto manciniani e «in quegli scatti d’ira, nelle imprecazioni per un passaggio sbagliato o per un fischio sgradito, il tifoso trovava un tratto profondamente umano pur dovendo riconoscere quanto inumano fosse il talento. Mancini era allo stesso tempo sacro e profano, irraggiungibile, eppure così vicino».

La Sampd’oro e i Gemelli del gol

Genova lo ama e quell’amore è il fuoco che lo fa ballare, facendosi beffe del tempo, fino alla finale di Wembley persa ai supplementari nel maggio 1992 contro il Barcellona: al fischio finale Mancini si siede a centrocampo e piange. La Sampd’oro finisce quella notte e anche l’età dell’innocenza.

Muore Mantovani, la Samp è in disarmo, Vialli va alla Juve e Mancini alla Lazio, dov’è praticamente onnipotente e segna di tacco in Parma-Lazio del ’99 una delle reti più immaginifiche del nostro calcio . Lascia vincendo scudetto e Coppa Italia. Dal campo alla panchina dei biancocelesti crea una Lazio bella, a tratti irresistibile. Passa alla Fiorentina e poi all’Inter, diventando un insegnante di calcio , prima che un gestore. Le quattro stagioni al Manchester City lo rendono internazionale, con quello scudetto vinto al 92’ grazie a un gol di Sergio Agüero. Poi, Galatasaray, di nuovo Inter e Zenit San Pietroburgo, fino alla chiamata in azzurro, lui che dall’azzurro si è spesso sentito osteggiato.

Sulla panchina azzurra

A Coverciano ricostruisce una famiglia: «A fare la differenza è stato ancora una volta il valore dei legami costruiti nel cammino che lo ha portato da Jesi fino alla panchina più ambita d’Italia. Sono tutti lì, gli amici di sempre: nello staff, insieme a Vialli, ci sono Fausto Salsano, Attilio Lombardo, Giulio Nuciari e Massimo Battara».

L’Europeo è qui e ora, l’azzurro, come il mare di Genova, brilla davanti agli occhi di Mancini: «Roberto è il capitano, il leader – ricorda l’amico e compagno Siniša Mihajlović -. Alla Samp faceva tutto: il presidente, l’allenatore, il giocatore, il tifoso e il rompipalle».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews