sabato, Gennaio 29, 2022
Disponibile su Google Play
HomeMusicaMusica e Pnrr, 115 milioni per la digitalizzazione. Promoter bocciano il Cts

Musica e Pnrr, 115 milioni per la digitalizzazione. Promoter bocciano il Cts

Il bacino a cui guardare è quello dei 155 milioni destinati alle imprese culturali e creative di cui 115 milioni per la digitalizzazione degli archivi. Ruota attorno a queste cifre l’incontro «Il Pnrr e le imprese culturali e creative nel settore musicale» che a Milano ha riunito il sottosegretario alla Cultura Lucia Borgonzoni, il direttore generale Creatività del Mic Onofrio Cutaia e le associazioni di categoria del comparto musica . Il senso è quello di raccogliere dalle imprese di settore proposte e idee su come strutturare i bandi che avranno il compito di distribuire gli aiuti messi in campo dall’Ue. In dieci giorni, il governo draghi avrà dalla controparte le proposte concrete su come costruire gli avvisi sul tema della digitalizzazione. Da qui a un mese ci sarà un nuovo vertice tra le parti per tirare le somme sul lavoro compiuto e andare finalmente ai bandi. Cosa importante: nei nuovi bandi non ci saranno i codici Ateco.

Entro dicembre i primi bandi per 7,5 milioni

L’idea è arrivare a programmare per dicembre i primi bandi da 7,5 milioni. Interventi per altri 7,5 milioni saranno banditi per il dicembre del 2022, mentre il grosso dei 155 milioni messi a disposizione dal Piano nazionale ripresa e resilienza sarà programmato entro la fine del 2023 ma comunque speso nel quinquennio. «Il governo si è impegnato», precisa il sottosegretario Borgonzoni, «a far partire i bandi entro l’anno, alla luce di tutto quello che è successo nell’ultimo anno e mezzo che ha messo a dura prova la filiera. Il sunto della giornata deve essere: darci una tempistica stretta». Le linee d’azione del Pnrr, anche in questo campo, saranno «green e digitale», sottolinea Cutaia. «Recepiremo le linee guida dalle parti sociali prima di emettere i bandi, cercando di anticipare i tempi». Tra i temi su cui insistere, formazione e creazione di un registro unico digitalizzato delle opere.

Loading…

L’impatto del Covid sulle imprese culturali

Il quadro d’insieme lo conosciamo: «Nel 2020», recitano le note di presentazione dell’incontro, «il volume d’affari complessivo» delle imprese della cultura europee «si è ridotto a 444 miliardi di euro, registrando dal 2019 un calo di 199 miliardi di euro. L’onda d’urto del Covid-19 è stata avvertita in tutti i settori creativi e culturali: arti dello spettacolo (-90% tra il 2019 e il 2020) e musica (-76%) sono le più colpite; arti visive, architettura, pubblicità, libri, stampa e audiovisivo hanno registrato un crollo dal 20% al 40% rispetto al 2019». Per cultura e turismo, il Pnrr mette sul piatto 4,77 miliardi di cui 1,2 miliardi a fondo perduto e 3,5 miliardi in prestito. Alle imprese creative vanno 155 milioni.

Tra digitalizzazione e green

La leva da muovere, per il comparto musica , è l’investimento 3.3: si va dal sostenere la produzione culturale e creativa verso l’innovazione e la transizione digitale lungo l’intera filiera (115 milioni), al migliorare l’ecosistema in cui operano i settori culturali e creativi incoraggiando la cooperazione tra operatori e organizzazioni culturali e facilitando il miglioramento delle loro competenze e la riqualificazione (10 milioni), dal promuovere la riduzione dell’impatto ecologico degli eventi culturali promuovendo l’inclusione di criteri sociali e ambientali nelle politiche in materia di appalti pubblici (10 milioni), al favorire l’innovazione e la progettazione ecocompatibile inclusiva, anche in termini di economia circolare e orientare il pubblico verso un comportamento più responsabile nei confronti dell’ambiente e del clima (20 milioni).

Quanto costa digitalizzare i brani

Il ministero chiede qualche riferimento sui costi di digitalizzazione delle opere musicali. La risposta arriva da Enzo Mazza, ceo di Fimi: «Rivalutazione e rimasterizzazione su formati audio/ video dell’intero catalogo della musica italiana costa circa 1.000 euro per traccia. La digitalizzazione multitraccia costa circa 50 euro a traccia, la metadatazione va da 150 a 250 euro a traccia». Per Sergio Cerruti, presidente di Afi, «è fondamentale che i bandi non tengano conto dei codici Ateco e del numero di dipendenti delle imprese. Deve pesare quanto resta sul territorio della ricchezza che produciamo». Mario Limongelli di Pmi parla di «sfida strategica della digitalizzazione per il rilancio del comparto». Carlo Fontana, presidente di Agis, interviene sottolineando l’importanza delle risorse per il green: il futuro potrebbe essere dei festival «sostenibili».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews