martedì, Novembre 30, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaarma sonora che zittisce i nemici

arma sonora che zittisce i nemici

Chi usa spesso Zoom, Google meet e sistemi di videoconferenza vari lo sa bene: dover parlare sentendo in cuffia l’eco della propria voce è un’esperienza decisamente fastidiosa, che in molti casi può rendere impossibile proseguire la riunione. Solitamente il problema si risolve invitando tutti i partecipanti all’incontro, tranne chi sta parlando (ovviamente!), a spegnere il microfono.

Che confusione! Forti di queste evidenze, gli esperti della US Navy hanno messo a punto un’arma non letale in grado di rendere impossibile a chiunque di parlare. L’idea è che una volta rese impossibili le comunicazioni tra commilitoni, sarà facile sbaragliare le truppe avversarie. Il nuovo sistema, chiamato handheld acoustic hailing and disruption (AHAD), è composto da un microfono ad alta sensibilità e da un potente sistema di speaker direzionali che rimandano indietro la voce di chi parla, ad alto volume e con un leggero ritardo. Un eco artificiale, insomma, che rende di fatto difficilissimo parlare, sia via radio sia di persona.

L’eco buono. L’arma sfrutta il principio del feedback uditivo ritardato, o DAF, una tecnologia utilizzata da tempo nel trattamento della balbuzie. Nei pazienti affetti da questo disturbo l’introduzione dell’eco della propria voce sembra ridurre, o addirittura eliminare il problema. In tutti gli altri, l’effetto è quello che conosciamo. Ci sono però alcuni individui che sono del tutto immuni all’arma sonora: si tratta di quelle persone abituate a parlare spesso in pubblico e che riescono in qualche modo ad isolarsi da quello che succede attorno a loro, così da non perdere il filo del discorso.

Non ascoltarti. Secondo i neuroscienziati sentire l’eco ritardato della propria voce mentre si parla mette in crisi il slstema di controllo della vocalizzazione: alcune persone iniziano a balbettare, altre smettono di parlare, altre non riescono più a formare frasi di senso compiuto. E nel bel mezzo di una battaglia, quando la capacità di comunicazione tra i soldati è fondamentale, gli effetti di questa nuova arma potrebbero essere anche esilaranti.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews