martedì, Dicembre 7, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaHuobi chiuderà gli account degli utenti cinesi

Huobi chiuderà gli account degli utenti cinesi

La Cina ha emesso un divieto sulle transazioni di criptovaluta la scorsa settimana e sta già avendo alcune conseguenze per i trader nel paese

Huobi Global, uno dei principali exchange di criptovalute al mondo, ha annunciato nel fine settimana che ritirerà lentamente gli utenti esistenti della Cina continentale sulla sua piattaforma. Ciò è dovuto al recente divieto di transazioni cripto nel paese.

La scorsa settimana, la People’s Bank of China (PBoC) ha rivelato che tutti i servizi che consentono alle persone di scambiare valute legali con asset di criptovaluta o tra criptovalute stesse saranno ora trattati come attività illegali.

Ciò implica che gli scambi di criptovaluta e altri fornitori di servizi correlati alle criptovalute sono ora considerati illegali in Cina. Pertanto, gli scambi di criptovalute operanti in Cina troveranno difficile continuare a fornire servizi ai propri clienti.

Huobi è il primo grande exchange di criptovalute a reagire alla notizia. In un post sul blog di ieri, Huobi Global ha dichiarato di aver cessato le registrazioni di nuovi account nella Cina continentale, a partire dal 24 settembre. Lo scambio ha inoltre aggiunto che interromperà lentamente gli account utente esistenti della Cina continentale da ora fino al 31 dicembre 2021. Garantirà inoltre la sicurezza dei fondi degli utenti.

Huobi ha affermato che informerà i suoi utenti cinesi degli accordi e di ulteriori informazioni tramite annunci ufficiali, messaggi di testo ed e-mail.

Lo scambio di valuta digitale ha inoltre aggiunto che rimane dedicato a offrire alle persone l’accesso ai servizi di trading di criptovaluta e a garantire la sicurezza dei fondi dei clienti nel rispetto di tutte le leggi. La Cina è stata ostile nei confronti delle criptovalute negli ultimi anni.

Negli ultimi anni, inoltre, le autorità cinesi hanno reso quasi impossibile per i fornitori di servizi cripto operare nel paese. Hanno vietato le offerte iniziali di monete (ICO), le attività di mining di criptovaluta e gli scambi di criptovaluta.

La Cina era in precedenza la nazione numero uno al mondo per quanto riguarda le criptovalute in termini di mining e altre attività. Tuttavia, le recenti sanzioni hanno spinto gli imprenditori e gli investitori cripto cinesi in altre parti del mondo. I minatori cinesi di criptovalute si stanno spostando in altri paesi, specialmente in Nord America.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews