martedì, Ottobre 26, 2021
Disponibile su Google Play
HomeSportFormula 1, Verstappen vince e allunga. Ferrari deludente: stop allo sviluppo

Formula 1, Verstappen vince e allunga. Ferrari deludente: stop allo sviluppo

In mancanza di imprevisti, la gara francese non ha dato praticamente nessuna emozione particolare fino a pochi minuti dall’arrivo. Eppure in mattinata una pioggia precedente alla Formula 3 “almeno” aveva proposta una competizione condizionata da una pista molto umida, tale da montare coperture da bagnato estremo.

Molto diverso lo scenario di poche ore dopo. Ai piloti è stato chiesto di gestire al meglio le potenzialità di gomme e motori in una corsa con distacchi tuttavia abbastanza ravvicinati, almeno nelle prime quattro posizioni. Verstappen, un po’ davanti, un po’ dietro, ha presto dovuto fare i conti con consumi elevati ma anche Hamilton era impegnato nelle stesse valutazioni. Di certo chi sarebbe stato di più in scia avrebbe potuto usurare meno le gomme, fatto che poteva fare la differenza. E così è stato. Fino al giro 52 sembrava quasi di ritrovarsi ad archiviare la quarta stagionale nonché terza vittoria per Hamilton di fila nel gran premio di Francia, iniziando a contare dal 2018, considerando che l’edizione 2020 non è stata disputata. Le Castellet d’altra parte è una pista che per ragioni differenti è sempre piaciuta agli inglesi: ci hanno vinto anche Stewart, Hunt, Mansell, Hill. Di questi, a nessuno è riuscito a vincere più di due volte nella pista alle spalle della Costa Azzurra, mentre Mansell in Francia vanta quattro sigilli. Invece l’esito finale ha premiato una gara di tattica e d’intelligenza a favore di Verstappen, che scattava davanti in griglia e davanti nel mondiale. Situazione psicologica “insolita” per Hamilton.

Loading…

Una pressione non trascurabile anche per il pupillo Red Bull. Non è mancato infatti un errore in partenza, un piccolo svarione fuori dai boundaries che gli è costato un sorpasso. Più tardi, l’olandese ha però sfruttato il momento del cambio gomme per recuperare lo svantaggio: si è ritrovato con pneumatici più freschi al momento giusto ed è andato a vincere. Anche se sembrava un’altra giornata Mercedes, addirittura da doppietta, con Verstappen che partiva dalla pole, tanti speravano che il risultato non fosse di quelli scontati degli ultimi anni. In duello sin dall’inizio stagione, i due contendenti al titolo hanno mandato in scena una gara di testa interessante, che poi si è decisa nelle ultime tornate. Prima il sorpasso su Bottas, mentre era terzo. Il finlandese della Mercedes ha mostrato nervosismo e poco carattere nella lotta con il leader del mondiale: si è fatto passare come avrebbe fatto un rookie, senza grande opposizione, dimostrando per l’ennesima volta di non rientrare nel ruolo di “scudiero” ideale del super campione inglese. Poi è toccato a Hamilton, a un giro e mezzo dalla fine, senza neanche troppa fatica.

Mondiale bilanciato

Dopo questa gara si conferma sempre di più quindi una situazione bilanciata per il mondiale, grazie alla Red Bull che nelle ultime gare testimonia il recupero della competitività per la stagione in corso. In effetti, fra i motivi del successo, deve anche ringraziare Honda per i motori nuovi forniti prima di questa gara, sia alla Red Bull sia all’Alpha Tauri. Una Honda che lascerà la Formula 1 a fine anno ma oggi si è tolta un’altra grande soddisfazione nel mondo dei motori: pochi minuti prima dello start a Le Castellet, Marc Marquez infatti è tornato alla vittoria in MotoGp in sella alla Honda ufficiale dopo un lungo digiuno da Valencia 2019: il 2020 per lui è stato da dimenticare e più volte è stato dato per “finito” a causa di un recupero da un incidente gestito male, che è durato molto più del previsto.

Scopri di più

Premesse in qualifica favorevoli alla Red Bull

A ben vedere, Max Verstappen e la Red Bull erano di ottimo umore già nel sabato pomeriggio, dopo che il pilota olandese si era assicurato la pole position (seconda nel 2021) ma Perez si è qualificato quarto a meno di un decimo da Bottas. Quinto Sainz, che ha girato meglio di Leclerc (settimo) di poco più di un decimo di secondo, mentre in gara è stato un disastro per entrambi: undicesimo Sainz e sedicesimo (pure doppiato) Leclerc, entrambi fuori gioco anche a causa di gomme particolarmente distrutte sul finale.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews