mercoledì, Ottobre 27, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGossipFake news, un progetto nazionale per combatterle

Fake news, un progetto nazionale per combatterle

Un progetto da 1,4 milioni di euro per combattere le fake news. Un consorzio guidato dall’Università Luiss e composto da Rai, Tim, gruppo Gedi (editore de La Repubblica), Università di Tor Vergata, T6 Ecosystems, Newsguard e Pagella Politica ha vinto il bando per l’Italian Digital Media Observatory dell’Unione europea, un piano di lavoro che ha lo scopo di estirpare le notizie false che corrono in Rete e per il quale sono stati stanziati, in totale, 11 milioni per 8 hub europei.

I dati sono allarmanti: «Negli Stati Uniti il 23% della popolazione non crede alla scienza , mentre in Inghilterra il 50% non si fida della stampa», ha spiegato Gianni Riotta, direttore del master in giornalismo della Luiss.

«L’ondata di disinformazione e fake news cui abbiamo assistito negli ultimi anni, in Europa e nel mondo», sottolinea il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, «rischia di indebolire il diritto a una corretta informazione, che è alla base dei principi di cittadinanza democratica».

In Italia, nel 2018, il 57% delle fake news riguardava notizie riconducibili a fatti di cronaca e politica, nazionale e internazionale. Subito dopo, le notizie di carattere scientifico e tecnologico (19%), seguite da quelle di cultura e spettacolo (16%). Nel 2020, invece, la maggior parte delle fake news riguardava la pandemia da Covid-19.

Le notizie false, antiscientifiche e tendenziose alimentano l’ignoranza, accrescono le divisioni nella società e minano le basi del normale dibattito democratico, ma possono diventare anche molto pericolose e provocare gravi conseguenze sul piano della salute, dell’economia e della sicurezza.

Il progetto del consorzio italiano durerà 30 mesi: Pagella Politica avrà il compito di redigere un report bimestrale per tenere sotto controllo i trend della disinformazione online. Nella lotta alle fake news è fondamentale il ruolo dei giornalisti: Gedi-La Repubblica si è impegnata a promuovere la formazione sul fact checking, per riconoscere e bloccare – in primis dalle testate giornalistiche – tutte le notizie che non sono validate.

LEGGI ANCHE

Fake news sul coronavirus, bastano 12 influencer a generare quasi tutti i contenuti

LEGGI ANCHE

Come riconoscere e sconfiggere le bufale online

LEGGI ANCHE

Le fake news sono redditizie: il caso di Claas Relotius, il giornalista di «Der Spiegel» che si inventava le storie

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews