mercoledì, Dicembre 1, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareCdp, Iccrea e Martini, contratto di filiera da 44 milioni per la...

Cdp, Iccrea e Martini, contratto di filiera da 44 milioni per la carne sostenibile

Un contratto di filiera del valore di 44 milioni, per promuovere la sostenibilità ambientale nelle produzioni a marchio Martini, gruppo di riferimento nei comparti delle carni di suino, pollo e coniglio, con dieci stabilimenti industriali e oltre 2.200 collaboratori diretti. Lo hanno siglato Cassa Depositi e Prestiti e il gruppo bancario cooperativo Iccrea, con un finanziamento da 19 milioni di euro ciascuno. A questi fondi si aggiungono i contributi del ministero delle Politiche Agricole per 5 milioni di euro – a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione – e i contributi delle regioni Piemonte, Sardegna e Campania per oltre 570 mila euro, a sostegno degli investimenti programmati nei rispettivi territori.

Il progetto “Filiera integrata carni di alta qualità Cafar-Magema-Gruppo Martini” punta a rafforzare il posizionamento sui mercati dei prodotti a marchio, con particolare riguardo al benessere animale, alla riproduzione, ai mangimi, alla logistica. In particolare l’azienda –che grazie a questo investimento dice di poter guardare al futuro e di consolidare la sua posizione all’interno del mercato agroindustriale – potrà incrementare le produzioni zootecniche di alta qualità antibiotic-free, realizzare nuove strutture di allevamento (nonché ampliare le esistenti), coordinare e potenziare l’assistenza tecnica e veterinaria.

Loading…

L’operazione rientra nei cosiddetti fondi rotativi di sostegno alle imprese, strumenti che coinvolgono ministero delle Politiche agricole, Cassa depositi e sistema bancario attraverso bandi pubblici (in questo caso l’operazione poggia sul IV bando dei contratti di filiera e di distretto gestiti dal Mipaaf).

In pool con le banche, Cdp finanzia a medio-lungo termine, a condizioni economiche agevolate, i soggetti che realizzano gli investimenti ammessi alle agevolazioni pubbliche. La quota di finanziamento agevolato copre di norma il 50% del finanziamento, raggiungendo il valore massimo del 90% nei programmi di ricerca, sviluppo e innovazione. Nel biennio 2019-2020 sono stati 62 i contratti di questo tipo chiusi da Cdp in ambito agroalimentare, per un valore complessivo di 43 milioni (quota Cdp).

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews