mercoledì, Ottobre 27, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaIg Nobel 2021, gli studi scientifici più divertenti

Ig Nobel 2021, gli studi scientifici più divertenti

Sono tornati, puntuali come ogni anno, i premi più divertenti del mondo scientifico, gli Ig Nobel, quest’anno alla 31ma edizione: durante la cerimonia, che si è tenuta (ancora una volta online a causa dell’emergenza sanitaria) lo scorso 9 settembre, sono state premiate dieci ricerche scientifiche «che prima fanno ridere, e poi riflettere» – è il motto degli Ig Nobel. Tra fusa e miagolii di gatti, rinoceronti appesi a testa in giù e barbe protettive, ecco una carrellata degli studi più esilaranti di questa edizione.

Miao, pfrrrr, fssssss. Susanne Shötz ha condotto insieme ad alcuni colleghi svedesi una serie di studi sui versi dei gatti: fusa, miagolii, soffi, ululati… le ricerche sono state premiate nell’ambito della biologia per aver «analizzato le variazioni nelle diverse modalità della comunicazione gatto-uomo», non si sa se in previsione di un traduttore simultaneo automatico.

Emissioni cinematografiche. Per la chimica il premio è andato a due ricerche condotte da un team internazionale, che ha studiato gli odori prodotti dal pubblico in una sala cinematografica per capire se potessero essere dei validi indicatori di quanto succedeva sullo schermo. Gli studiosi hanno analizzato chimicamente i VOC (volatile organic compounds), composti organici volatili che vengono rilasciati dal respiro e dalla pelle e sono influenzati anche dallo stato emotivo dell’emissore, rilevando, in particolare, che l’isoprene rifletterebbe le emozioni suscitate dalle immagini proiettate: per questo, consigliano gli esperti, in futuro sarebbe utile analizzare le emissioni di isoprene per classificare i film per età in modo più oggettivo (in base alle scene di violenza, sesso e simili), affidandosi alle reazioni biologiche del pubblico.

Obesi e corrotti. Ad aggiudicarsi il premio come studio di economia più spassoso, una ricerca che ha analizzato la correlazione tra obesità dei politici e corruzione: osservando 299 immagini dei rappresentanti di 15 ex repubbliche sovietiche, è emerso che l’indice di massa corporea (BMI, body mass index) dei ministri era direttamente proporzionale al loro livello di corruzione. A quando l’analisi obbligatoria estesa a tutti i politici?

Sesso e congestione nasale. Avete sempre il naso chiuso? La notte respirate male e non riuscite a dormire? La scienza ha una soluzione: il sesso. l’Ig Nobel per la medicina è andato a un illuminante studio secondo il quale il modo migliore per combattere la congestione nasale è avere un orgasmo. Il piacere sessuale avrebbe lo stesso effetto di un decongestionante: munitevi di fazzoletti per fingere un potente raffreddore con il vostro partner (o di adeguati rinforzi se siete per davvero molto raffreddati).

Barba protettiva. Premiato ironicamente nella categoria “pace” uno studio che ha indagato l’ipotesi che gli umani abbiano sviluppato la barba per proteggersi dai pugni in faccia. «La barba di un uomo ha la stessa funzione della criniera per un leone: proteggere zone vitali come la gola e la mandibola da attacchi mortali». Pensateci durante la prossima rasatura.

Pedoni scontrosi. In ambito fisico e nel campo della cinetica, due Ig Nobel assegnati a due studi connessi, seppure indipendenti: il primo, per avere «dimostrato perché i pedoni non si scontrano continuamente con altri pedoni» (perché quando camminiamo “tendiamo a rimanere inconsciamente a più di un metro di distanza dalle persone che incrociamo”); il secondo (di cui vi avevamo già parlato), premiato «per aver compreso come mai a volte i pedoni si scontrano con altri pedoni», ha dimostrato che gli smartphone sono un elemento di disturbo nell’ordine della folla.

Rinoceronti a testa in giù. Ultimo ma non ultimo, a vincere l’Ig Nobel nella sezione trasporti è stato uno studio che ci aveva già fatto sorridere lo scorso febbraio, secondo il quale il modo migliore per trasportare un rinoceronte in elicottero è appenderlo a testa in giù, e non stenderlo su un lato: così facendo, l’animale respirerebbe meglio.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews