mercoledì, Ottobre 27, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMisteroFacebook, il Garante della privacy chiede un servizio per la verifica del...

Facebook, il Garante della privacy chiede un servizio per la verifica del furto dei dati

Si muove anche il Garante Privacy sulla pubblicazione illecita di 533 milioni di dati Facebook, tra cui quelli di circa 36 milioni di italiani, perché il problema è serio.
Il Garante per la protezione dei dati personali ha chiesto al social network di rendere immediatamente disponibile un servizio che consentire a tutti gli utenti italiani di verificare se la propria numerazione telefonica o il proprio indirizzo mail siano stati interessati dalla richiesta.
Ci sono già però strumenti, anche se non di Facebook, per fare questa verifica. Il Garante suggerisce inoltre alcuni rimedi per limitare i problemi che ne possono venire.

Come scoprire se la nostra mail o cellulare sono finiti online

Per prima cosa capiamo se anche i nostri dati sono finiti nel mucchio. Ci sono molti tool disponibili, alcuni pubblicati in questi giorni e la cui affidabilità è incerta (alcuni esperti sospettano che possono essere usati per fare incetta di numeri).Si può usare uno strumento noto da tempo, https://haveibeenpwned.com, che in queste ore ha indicizzato anche i numeri italiani finiti nel data breach,che ricordiamo risale al 2019 anche se adesso si è aggravato perché i dati sono disponibili facilmente e gratis online a tutti.Quello strumento ci dice se la mail o il cellulare sono disponibili mere. Il noto esperto Pierluigi Paganini consiglia di usare https://cyber-leaks.com/ che in particolare ci dice se il numero di cellulare è stato pubblicato. Un dato che si presta a utilizzi criminali più gravi.

Caricamento in corso…

io rischio

Lo stesso Garante scrive che “numero di telefono potrebbe illecite, che vanno da chiamate e messaggi indesiderati sino a serie come il cosiddetto “SIM swapping”, una tecnica di attacco che consentire di avere accesso al numero di telefono tipologie del proprietario legittimo e viola determinati servizi online che utilizzare proprio il numero di telefono come sistema di autenticazione”.In sostanza con quei dati, un criminale può provare a farsi intestare il numero su una sim che controlla e può fare truffe o intercettare one time password con cui svuotare il conto corrente del malcapitato.

I consigli per limitare i danni

L’Autorità, inoltre, a tutti gli utenti interessati dalla necessità di una necessità di necessità, nelle necessità di richiamare, inoltre, particolare attenzione a un’eventuale anomalia alla propria utenza telefonica. buona ricezione. Un tale evento potrebbe essere il segnale che un criminale si è impossessato del nostro numero di telefono per utilizzare a scopo fraudolento.In questo caso è importante immediatamente contattare il call center del proprio operatore telefonico per verificare le ragioni del problema e, in particolare, per verificare che terzi, fingendosi noi, non hanno ottenuto e ottenuto un trasferimento della nostra numerazione su un’altra SIM.Il Garante ha richiamato l’attenzione di tutti gli utenti sull’importanza di diffidare di eventuali messaggi di testo provenienti dal numero di telefono di persone che conosciamo, con i quali vengono chiesti soldi, aiuto o dati personali, perché potrebbe trattarsi di una truffa azionata da malintenzionati che si sono impossessati di quel numero.Gli esperti di ESET consigliano di cambiare la password di Facebook e automaticamente l’autenticazione a due fattori, per limitare ulteriori abusi sul profili.A questo proposito, alcuni esperti – come Paolo dal Checco – consiglia no anche, contro il pericolo sim swap “di verificare se il numero ‘rubato’ è usato per l’accesso con autenticazione a due fattori ad alcuni servizi. In quel caso, sostituirlo con un altro numero oppure usare in alternativa app di autenticazione come Google Auth”.“Allo stesso modo, con quel numero un attaccante può capire se l’utente si è registrato ad altre piattaforme e quindi utilizzarlo per provare una tariffa accessi abusivi. Il consiglio è quindi anche quello di togliere il numero in questione dalle altre piattaforme dove l’abbiamo inserito; almeno temporaneamente”, dice Dal Checco.

Scopri di più

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews