martedì, Ottobre 26, 2021
Disponibile su Google Play
HomeSportF1, la pioggia toglie la prima vittoria a Norris: Hamilton ne approfitta...

F1, la pioggia toglie la prima vittoria a Norris: Hamilton ne approfitta per il trionfo numero 100. Bene Sainz terzo

E pioggia fu. Dopo una gara che si poteva promuovere già solo perché non era stata noiosa né troppo avara di sorpassi, è successo di tutto per colpa di una prevista, anche se in ritardo, forte pioggia nel finale. E così i due protagonisti della stagione, Hamilton e Verstappen, si ritrovano primo e secondo, si può dire immeritatamente davanti a Sainz.
Al di là dell’esito amaro per molti, troppi, e della pacca sulla spalla “dovuta” a Hamilton, visto che aggiorna il suo curriculum al ragguardevole ammontare di 100 vittorie, questo gran premio avrebbe dovuto celebrare la McLaren e anche altri giovani.

Tuttavia, per come si stava mettendo negli ultimi giri, avrebbe anche dato una sonora “batosta” a Verstappen, che stava rimanendo troppo indietro per ragioni tecniche. Forse, quindi, meglio così: anche se la fortuna ha baciato nuovamente i migliori, almeno non ha stravolta la lotta al mondiale, dove resta ancora in vantaggio Verstappen.

Loading…

Se è stata una bella domenica, lo si deve in particolare a una griglia del tutto inedita: l’ultima prova in calendario a settembre vedeva infatti una pole di Norris su McLaren (ora è suo, ai danni di Hamilton, il record del britannico più giovane in testa allo start di un gran premio), un secondo Sainz con la Ferrari numero 55 e un ancor più sorprendente terzo Russell con la Williams. Hamilton solo quarto mentre devono partire in fondo, per via di necessarie penalizzazioni dovute all’installazione della quarta power unit della stagione, Leclerc e sopratutto Verstappen. Bottas penalizzato invece per la sostituzione di alcuni pezzi, e anche altri due piloti per parti minori.

Quella di Norris è stata una pole che dice tanto a questo campionato. Un altro “scossone”, non più inedito, ma di sicuro un’ulteriore conferma della maturazione della McLaren. che ritorna alla pole position dopo 171 gare di “astinenza” quando nel Brasile 2012 scattava l’ultima volta in prima fila un certo Hamilton.

Scopri di più

La parabola di Sainz

Lo sviluppo della gara non è stato quindi per nulla scontato. Sin dallo scatto iniziale, si è vista una grande forma della Ferrari di Carlos Sainz, che beffa il poleman Norris. Prova ad allungare ma non gli riesce, perché dopo nemmeno 9 giri si vede già che la sua monoposto soffre molto, troppo di “graining”. Forse il downforce generato dal setup aerodinamico non è abbastanza, perciò quando si innesca questo processo poi il degrado a un certo punto diventa incontrollabile. Una piccola consolazione al giro 12, quando Norris sembra riprendere distanza, ma al giro 13 viene passato e non riesce più a rivederlo fino alla fine.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews