domenica, Ottobre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMusicaCorteggiatore del pericolo - Il Sole 24 ORE

Corteggiatore del pericolo – Il Sole 24 ORE

«Lui stesso corteggiava il pericolo con tutto l’autodistruttivo fulgore di un artista, la cui più grande creazione sarà la sua stessa morte». Mettono i brividi le parole, tra le ultime, lasciate dal grande regista Graham Vick, scomparso lo scorso 17 luglio, in punta di piedi, nella totale solitudine e crudeltà del Covid. Era a Londra, ricoverato da qualche settimana. Poco prima aveva riallestito a Bologna La Bohème, una tra le sue creature più toccanti e inquiete. Poi era volato a casa, a Birmingham, per lavorare con quella compagnia d’opera fondata 33 anni fa, con visione innovativa e radicale, per rendere concreta l’utopia di un teatro per tutti: luogo di pensiero e di dialogo, senza barriere.

Lì lo aspettava un nuovo Ring, viaggio wagneriano più volte affrontato e da rileggere da capo. Ma soprattutto lo aspettava Parma, che gli dedica la ventunesima edizione del Festival Verdi e in particolare un incontro, il 25 settembre alle ore 11, trasmesso in diretta sul portale di RaiCultura.

Loading…

A Vick spettava l’inaugurazione, con un nuovo Ballo in maschera. Controcorrente, avrà al centro la figura di Gustavo III, appunto colui che “corteggiava il pericolo”, come voleva la prima versione dell’opera, censurata, ma che nella musica poteva riscattarsi, libera. Noi “vickiani” lo sapevamo, sarebbe stato un allestimento speciale, come sempre disallineato, perché fare teatro per Vick significava interrogarsi con libertà sulle scelte del compositore, sul soggetto, sulla drammaturgia. Aprendo domande. In spettacoli di pensiero e non banalmente edonistici. Nel solco di Shakespeare. Vick, nato a Birkenhead, vicino a Liverpool, nel 1953, aveva studiato a Manchester, al Royal Northern College of Music; la meta iniziale della direzione d’orchestra quasi subito aveva girato verso la regia, col primo spettacolo firmato a poco più di vent’anni. La rigorosa preparazione musicale era però rimasta. Insieme alla perfetta padronanza delle lingue, in particolare l’italiano.

In Italia il debutto era stato nell’estate del 1978, non ancora venticinquenne, in un piccolo Festival estivo, segnato da tutti i crismi della visionarietà. Nel chiostro di Batignano, provincia di Grosseto, un gruppo di inglesi curiosi, votati a titoli rari e molto alternativi (era lo stesso regista a ricordarli così), capeggiati da Adam Pollock, aveva ideato un cartellone di assolute riscoperte. A Vick toccò l’allestimento della decisamente peregrina Orontea di Antonio Cesti e l’anno dopo del Tolomeo di Händel, per poi trionfare in gloria con Zaïde di Mozart, nel libretto ricomposto e ricucito da Italo Calvino.

Scopri di più
Scopri di più

La Fenice di Venezia

Il primo teatro italiano ad accorgersi di lui fu La Fenice di Venezia, che per la stagione 1982-83 gli affidò Ascanio in Alba, sempre una rarità, prudente, seppure mozartiana. Sarebbero passati sette anni per la successiva chiamata, questa volta al Maggio Musicale Fiorentino, per Mahagonny di Kurt Weill. Importante, sebbene non ancora sull’altare del grande repertorio. Le grandi prove arriveranno a partire dagli anni Novanta: tutte memorabili. Dalla Poppea monteverdiana a Bologna, al primissimo Rossini (L’inganno felice) nel 1994 al ROF di Pesaro, a Outis, la nuova opera di Luciano Berio alla Scala, funestata da continui scioperi ma alla fine in scena, nell’ottobre 1996.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews