mercoledì, Ottobre 27, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiarePiantare 3 miliardi di alberi entro il 2030? I florovivaisti: non ci sono le...

Piantare 3 miliardi di alberi entro il 2030? I florovivaisti: non ci sono le piante

Il Green Deal europeo e gli obiettivi di transizione ecologica finora non hanno coinvolto il settore “green” per eccellenza: quello del florovivaismo. Tra le incongruenze della grande rivoluzione ambientale che è stata avviata da Bruxelles c’è anche questo, e cioè il fatto che uno dei comparti che più possono dare un contributo in termini di riduzioni di emissioni e in vista degli obiettivi di neutralità climatica resta ai margini. Se ne è discusso a Roma nel corso dell’incontro su “Il Green Deal dei florovivaisti italiani” che si è tenuto nella sede della Cia-Agricoltori italiani.

Uno dei temi chiave ha riguardato l’ambizioso obiettivo annunciato dalla presidente della Commissione Ue, Ursula Von der Leyen di piantare in Europa 3 miliardi di alberi entro il 2030. «Abbiamo provato a fare qualche calcolo – ha spiegato il docente di arboricoltura e coltivazioni arboree dell’Università di Firenze, Francesco Ferrini – e stiamo parlando di un obiettivo che richiede di piantare circa 330 milioni di alberi l’anno, oltre un milione al giorno. Non ci risulta sia iniziato nulla di tutto questo. Ma soprattutto una tale operazione presuppone che gli alberi da piantare siano già disponibili. E anche questo non corrisponde al vero. Insomma, se non si vuole restare ai soli proclami occorre una programmazione della produzione vivaistica, occorre formazione e manutenzione».

Loading…

«Il nostro settore conta 24mila aziende in Italia, 2,5 miliardi di fatturato (per oltre il 50% realizzato all’estero) e circa 100mila addetti – ha aggiunto il presidente dell’Associazione Florovivaisti italiani che fa capo alla Cia, Aldo Alberto – e può svolgere un ruolo di primo piano non solo sul piano della forestazione ma anche su altri decisivi ambiti contemplati nel Pnrr come i parchi agrisolari, l’agrivoltaico, le comunità energetiche e il teleriscaldamento da biomasse».

Ma un altro punto chiave per il futuro del florovivaismo è l’iter parlamentare del ddl sul settore che dopo il primo esame della Camera è ora al Senato. Una legge che garantirebbe un riconoscimento giuridico al comparto, punta a istituire un Piano nazionale sul florovivaismo, dispone investimenti su ricerca e promozione e prevede l’istituzione al ministero delle Politiche agricole e sul modello olandese di un “ufficio fiori”.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews