mercoledì, Ottobre 27, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieLe Borse di oggi, 23 settembre 2021. Listini Ue positivi dopo la...

Le Borse di oggi, 23 settembre 2021. Listini Ue positivi dopo la Fed. Allarme di Pechino su Evergrande

MILANO –  Le Borse europee reagiscono positivamente alle decisioni della ed. Ieri la banca centrale Usa ha annunciato che a partire da novembre scatterà la riduzione degli acquisti di asset, il cosiddetto tapering, e dal 2022 inizierà anche un graduale percorso di aumento tassi. Indicazioni che non hanno spaventato Wall Street, dove ieri i principali indici hanno chiuso in rialzo e oggi si mantengono positivi.  Milano sale dell’1,41%, Francoforte dello 0,88% e Parigi dello 0,98%. Solo Londra resta indietro con un frazionale -0,07% dopo che due membri del board della Bank of England, che oggi ha mantenuti fermi i tassi principali, si sono espressi a favore di una riduzione degli stimoli.

Deludenti i dati macroeconomici diffusi in mattinata: l’indice pmi composito tedesco è calato a 58,5 da 62,6 e sotto le attese, così come il dato dei servizi sceso a 56 da 60,2 previsto. Frenata anche per il dato complessivo dell’Eurozona, con il pmi manifatturiero in calo a settembre a 58,7 da 61,4 di agosto e ai minimi da 7 mesi. Deludono negli Usa i dati sulle richieste settimanali di sussidi, saliti di 16 mila unità a quota 351.000.: un dato, peggiore delle attese degli analisti, che scommettevano su quota 320.000.

In Asia i fari sono puntati ancora su Evergrande. Il colosso immobiliare cinese, protagonista di un tracollo di quasi 80 punti percentuali dall’inizio dell’anno oggi si è reso protagonista a Hong Kong di un recupero deel 17,92% punti, dopo che la società ha annunciato ieri il pagamento degli interessi di un emissione per un totale di 35,9 milioni di dollari. Sempre in giornata però si sono addensate nuove nubi sulle prospettive della societtà. Secondo quanto riferito dal Wall Street Journal ie autorità di Pechino avrebbero messo in guardia i funzionari locali di preprarsi a una “possibile tempesta” legata al default.

La Fed fuori dall’emergenza, nel 2022 primo rialzo dei tassi

dal nostro corrispondente

Federico Rampini

22 Settembre 2021

Tra la valute, l’euro risale sopra 1,17 dopo la riunione della Fed e passa di mano a 1,1709 dollari e 128,57 yen. Il cambio dollaro/yen è stabile a 109,81.  In lieve rialzo lo spread Btp-Bund: il differenziale  apre a a 100 punti base, rispetto ai 98 punti della chiusura di ieri, con il rendimento del decennale italiane sale allo 0,68%.

Sul lato commodities, continua la crescita del petrolio: i contratti sul greggio Wti salgono ancora dello 0,36% a 72,49 dollari al barile. In crescita anche le quotazioni del Brent dello 0,38% a 76,48 dollari al barile.

 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews