mercoledì, Ottobre 27, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGossipLavori gravosi, ecco chi entra nell'elenco

Lavori gravosi, ecco chi entra nell’elenco

Sono 203 le mansioni individuate dalla Commissione sui lavori gravosi che potrebbero entrare nella lista di chi può anticipare la pensione a causa del valore usurante del lavoro. Si va dai bidelli alle colf, dai tassisti alle badanti passando per saldatori e tranvieri. Ci sono anche gli insegnanti di scuola elementare e i conduttori di macchinari in miniera. E ancora commessi e cassieri, forestali e magazzinieri.

La Commissione presieduta dall’ex ministro Cesare Damiano ha creato la lista che varrà vagliata da Governo, i ministeri del Lavoro e dell’Economia in particolare, e Parlamento.

Questi lavori darebbero diritto alla pensione anticipata, all’uscita dal mondo del lavoro a 63 anni tramite l’Ape sociale. Il gruppo di studio ha ricalcolato gli indici statistici forniti da Inps, Inail ed Istat per la valutazione della fatica fisica e psicosociale delle mansioni svolte.

Le categorie a rischio sono attualmente 15 per 65 lavori. Se ne aggiungerebbero 27, per ora solo potenziali, arrivando a 203 mansioni, che hanno un indice combinato di malattie professionali e infortuni sopra la media.

A cambiare sarebbe il trattamento pensionistico per mezzo milione di lavoratori. Questo allargamento dell’elenco dei lavori gravosi permetterebbe di definire un assegno che scatti al compimento dei 63 anni di età e 36 anni di contributi, con un importo fino a 1.500 euro che porti fino al compimento dell’età pensionabile. Varrebbe per coloro che hanno svolto una delle mansioni considerate gravose per 6 anni negli ultimi 7 anni o 7 negli ultimi 10 anni.

Le nuove categorie porterebbero molti più lavoratori a uscire anticipatamente dal mondo del lavoro. Nell’edilizia, per esempio, ci sarebbero 20mila possibili uscite di lavoratori. A fine 2021 scade la sperimentazione di Quota 100 e, se non fosse rinnovata, molti meno lavoratori potrebbero avere la pensione anticipata. L’idea del governo è di sostituirla con questo provvedimento. L’Ape Sociale esiste già da alcuni anni. Fra il 2017 e il 2020 ne hanno usufruito migliaia di lavoratori, ma tante richieste, il 61%, sono state respinte a causa della specificità dei codici delle mansioni indicate.

LEGGI ANCHE

Inps, ecco come si calcola il riscatto della laurea

LEGGI ANCHE

Pensioni delle donne: il divario rispetto a quelle degli uomini

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews