martedì, Ottobre 26, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiarePistacchio di Bronte, poca manodopera: a rischio tempi e qualità del raccolto

Pistacchio di Bronte, poca manodopera: a rischio tempi e qualità del raccolto

Slitta di dieci giorni per mancanza di manodopera la raccolta del pistacchio a Bronte. Nino Marino, fondatore di Antichi Sapori dell’Etna, azienda che produce dolci artigianali e creme spalmabili con i marchi Pistì e Vincente Delicacies è critico: «I 160-170 operai che due anni fa raccoglievano il prodotto nei nostri 3mila ettari di pistacchieto si sono ridotti a 70. Colpa del reddito di cittadinanza, al quale i più non vogliono rinunciare».
E così i tempi di chiusura del raccolto slittano ai primi di ottobre «col rischio che il prodotto stramaturo – prosegue Marino – cada a terra».

Poco più a Sud, a Raffadali, produttori e trasformatori, sotto la guida dell’ente certificatore, sono alle prese con la riorganizzazione legata al riconoscimento del marchio Dop da parte di Bruxelles. Il via libera della Ue è arrivato a fine marzo e da allora la macchina è al massimo per consentire alla produzione in corso (che quest’anno nei 500 ettari tra la provincia di Agrigento e Caltanissetta corrisponde alla cosiddetta “annata di scarica) di uscire sul mercato con il bollino Dop.

Loading…

A Bronte, ritardi a parte, le stime di raccolta dell’eccellenza che da sempre rappresenta il pistacchio made in Italy nel mondo, sono in linea con l’ultima raccolta, avvenuta due anni fa. Marino, che con sedici aziende dedite alla lavorazione copre il 35% dell’intera produzione di Bronte (l’1% della produzione mondiale), è ottimista: la produzione viaggia verso i 1.600 chilogrammi a ettaro, con punte più alte in alcune zone; il prezzo dovrebbe attestarsi sui 12 euro al chilogrammo per il prodotto in guscio e intorno ai 30 euro al per quello sgusciato. «Anche il confronto qualitativo con il prodotto importato da altri Paesi come Spagna, Turchia, Grecia, Iran – puntualizza Marino – gioca a favore di quello di Bronte».

Forte dei suoi numeri – fatturato di 55 milioni di euro nel 2020 – e del suo know how, l’azienda Antichi Sapori si prepara a spiccare il salto in California, mediante una partnership con una azienda Usa.
«Il progetto è di aprire un hub in loco nel prossimo biennio per la produzione di creme e paste per gelato», racconta in anteprima Marino. Negli ultimi anni la società ha registrato una crescita continua, sostenuta dalla presenza su mercati esteri strategici come Spagna, Australia, Spagna.Corteggiato da numerosi private equity, la società sarebbe in trattativa con il gruppo finanziario Whitebridge , per trovare un nuovo partner di maggioranza.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews