martedì, Ottobre 26, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaDa febbraio, i miner hanno accumulato Bitcoin per un totale di 600...

Da febbraio, i miner hanno accumulato Bitcoin per un totale di 600 milioni di dollari

Stando alla società di analitica on-chain Glassnode, i miner di Bitcoin stanno accumulando mentre l’hash rate del network continua a riprendersi.

Nel report Week on Chain pubblicato il 20 settembre, Glassnode ha rivelato che i saldi di BTC dei miner sono in aumento. Negli ultimi sei mesi e mezzo, i wallet associati a operatori nel settore del mining hanno accumulato 14.000 BTC, equivalenti a circa 600 milioni di dollari.

Inoltre, il report indica che i bull market del 2020 e del 2021 hanno visto i miner conservare una porzione più grande delle ricompense rispetto ai cicli di mercato precedenti. Solitamente, i miner vendono BTC per coprire i costi dell’elettricità e delle attrezzature hardware.

Offerta non spesa appartenente ai miner di BitcoinOfferta non spesa appartenente ai miner di Bitcoin. Fonte: Glassnode

Il trend dell’accumulo da parte dei miner è continuato nell’ultimo trimestre mentre l’hash rate del network di Bitcoin recuperava terreno perduto.

Tra le speculazioni sull’esodo di massa dei miner cinesi, Glassnode ha segnalato che la potenza di hashing di Bitcoin aveva perso il 51% fino a toccare un minimo locale di 90 exahash a fine giugno.

Stando alla media mobile a sette giorni, la potenza di hashing del network è aumentata del 52%, tornando così a 137 exahash. La ripresa dell’hash rate indica che gran parte delle operazioni di mining si è trasferita ed è di nuovo in attività.

Tuttavia, attualmente l’hash rate di Bitcoin dista del 34% dal massimo storico di 184 exahash segnato a maggio.

Correlato: Quattro miner di Bitcoin americani che potrebbero beneficiare degli spostamenti est-ovest

Nonostante le tesorerie dei miner in espansione e il recupero dell’hash rate, le azioni delle società di mining quotate in borsa hanno tracciato una correzione seguendo i più ampi mercati finanziari, tra le preoccupazioni che il gigante immobiliare cinese Evergrande non riesca a rimborsare i suoi prestiti.

Riot Blockchain, che quest’anno sta spendendo grandi somme per costruire un nuovo data center in Texas e espandere la sua capacità di hashing, ha subito una perdita del 2,4% nel prezzo delle sue azioni dal 20 settembre.

Anche i concorrenti Marathon e Hive Blockchain hanno perso l’1,5% da lunedì mattina, mentre le azioni di Hut 8 sono scese del 5,4% nello stesso periodo, completando la performance delle “Big Four” società di mining nordamericane.

Tuttavia, finora le prestazioni settimanali delle azioni di queste società di mining sono state migliori rispetto a Bitcoin, che è scivolato di oltre il 10% e, stando a CoinGecko, al momento della stesura si aggira intorno ai 42.700$.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews