martedì, Ottobre 26, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutai gruppi di opposizione contro la normativa crypto

i gruppi di opposizione contro la normativa crypto

Il 2021 probabilmente passerà alla storia come uno degli anni più interessanti per Bitcoin (BTC), considerando la sua recente adozione da parte di miliardari e istituzioni mainstream, per non parlare della legge di El Salvador che l’ha reso una moneta a corso legale.

Nel caso di El Salvador, sembra quasi che il mondo intero stia osservando questo esperimento in attesa di scoprire se sarà un successo o un completo fallimento per la nazione centroamericana.

Con l’implementazione ufficiale di Bitcoin come moneta a corso legale a El Salvador avvenuta il 7 settembre, un’ondata di proteste contro la mossa nel paese ha sollevato sospetti e incertezza sulle modalità in cui la nuova legge verrà applicata.

Dall’arresto di cittadini che criticano il governo salvadoregno per la nuova normativa, al grande numero di persone in tutto il paese che protestano lo status legale di Bitcoin, la principale criptovaluta sta affrontando venti contrari.

Come Bitcoin è diventato una moneta a corso legale

Tutto è iniziato nei primi giorni di giugno, quando il presidente salvadoregno Nayib Bukele ha annunciato in un tweet che l’assemblea legislativa aveva approvato un disegno di legge per rendere Bitcoin una moneta a corso legale. La norma sarebbe stata attuata il 7 settembre e avrebbe consentito ai 4,5 milioni di cittadini del paese di effettuare acquisti con Bitcoin in tutti i negozi di El Salvador.

Nel suo annuncio , Bukele ha indicato che dopo l’approvazione della legge “i Chivo ATM saranno ovunque,” Chivo è il nome del wallet di BTC ufficiale per El Salvador. Questo avrebbe permesso ai cittadini di prelevare Bitcoin in contanti senza pagare commissioni sui propri asset, costi tipici di servizi come Western Union.

Inoltre, Bukele ha assicurato ai cittadini che nessuno sarà costretto a usare Bitcoin. In un comunicato, il presidente ha affermato che “chi vuole può sempre mettersi in coda da Western Union e pagare una commissione.”

“E se qualcuno non vuole usare Bitcoin? Basta non scaricare l’app e continuare a vivere la propria vita normale. Nessuno prenderà i vostri dollari,” ha spiegato.

La prima ondata di resistenza

In seguito all’ annuncio , un gruppo di oppositori chiamato Popular Resistance and Rebellion Block (BRRP) è emerso per protestare contro la legge Bitcoin.

“Il presidente Nayib Bukele ha approvato la legge per rendere la criptovaluta una moneta a corso legale nel paese senza le opportune consultazioni con il popolo,” ha dichiarato un attivista.

Anche se il gruppo di protesta ha evidenziato complessità come la volatilità di Bitcoin tra i motivi di cautela, l’argomento principale sostenuto dal BRRP è che la legge serve principalmente a grandi imprese collegate a presunte attività di riciclaggio di denaro a beneficio di funzionari pubblici corrotti.

“Bitcoin serve solo ai grandi imprenditori, soprattutto quelli legati al governo, per riciclare denaro illecito,” ha affermato un oppositore.

Una lettera del BRRP ha indicato che “gli imprenditori che convertono il proprio capitale in Bitcoin non pagheranno tasse sui guadagni e il governo spenderà milioni per eseguire l’intera campagna.”

In effetti, il disegno di legge per rendere Bitcoin una moneta a corso legale include alcune proposte interessanti, come un’imposta sulle plusvalenze generate da BTC pari a 0. Inoltre, la normativa promette agli investitori residenza permanente nel paese con un investimento da tre BTC.

L’arresto di Mario Gómez

La controversa legge su Bitcoin è entrata in vigore il 7 settembre, e nuovi sostenitori e detrattori continuano a emergere. L’evento più recente è stato l’arresto di Mario Gómez.

Stando a diverse testate giornalistiche di El Salvador, Mario Gómez, un esperto di informatica e di crypto nonché forte critico del governo, è stato arrestato dalla polizia locale e trattenuto per qualche ora prima di essere rilasciato.

Gómez è noto per i suoi numerosi post sui social media che criticano la mossa del governo per rendere Bitcoin una moneta a corso legale. Commentatori come Steve Hanke, economista della Johns Hopkins University, hanno definito l’arresto di Gómez una “tattica autoritaria in azione.”

Hector Silva, un consigliere dell’ufficio del sindaco a San Salvador, ha spiegato che “l’arresto di Mario descrive la fragilità del governo per quanto riguarda l’implementazione della legge su Bitcoin, ma conferma qualcosa di ancora più pericoloso.”

“Sono pronti a manipolare qualsiasi istituzione sia necessaria per zittire le voci critiche,” ha aggiunto Silva.

Anche se le autorità hanno rilasciato un comunicato affermando che Gómez era stato arrestato nell’ambito di un’indagine su una frode finanziaria, i notiziari sostengono che sia stato arrestato senza un mandato e che la polizia ha cercato di impossessarsi del suo cellulare e computer.

Le proteste dei cittadini

Appena prima dell’arresto di Gómez, alcuni pensionati salvadoregni hanno organizzato proteste, preoccupati per la possibilità che il governo avrebbe usato la criptovaluta per il pagamento delle pensioni.

In un commento ai giornalisti, un manifestante dalla folla, che includeva veterani, disabili, lavoratori e pensionati, ha affermato “sappiamo che questa moneta fluttua drasticamente. Il suo valore cambia da un secondo all’altro, e non avremo alcun controllo su di esso.”

Bukele ha promesso che l’uso di Bitcoin nel paese sarà opzionale e che stipendi e pensioni continueranno ad essere pagati in dollari statunitensi, ma i manifestanti hanno evidenziato una mancanza di conoscenza sulla tecnologia.

Inoltre, i cittadini hanno criticato le spiegazioni insufficienti dei funzionari pubblici sui pro e contro di Bitcoin. “Non conosciamo la valuta. Non sappiamo da dove arriva. Non sappiamo se ci porterà guadagni o perdite. Non sappiamo nulla,” ha aggiunto un salvadoregno.

In risposta, l’amministrazione di Bukele ha indicato che l’uso di Bitcoin non è obbligatorio e verranno forniti percorsi di formazione necessari e altre alternative a Bitcoin.

Opinioni contrastanti

Anche se il presidente Bukele gode di un’ampia popolarità, sondaggi pubblicati di recente sulla legge Bitcoin mostrano una diffusa mancanza di supporto per la misura. Un recente studio svolto dalla Universidad Centroamericana José Siméon Cañas di El Salvador mostra che fino a due terzi dei partecipanti sono favorevoli a un provvedimento per abrogare la legge, e oltre il 70% preferisce il dollaro statunitense a Bitcoin.

Anche istituzioni internazionali come il Fondo Monetario Internazionale hanno avvertito dei problemi macroeconomici, finanziari e legali causati dall’adozione di Bitcoin da parte di El Salvador.

Siobhan Morden, head of Latin America Fixed Income Strategy presso Amherst Pierpont, ha affermato che “i piani per Bitcoin in un regime sempre più autocratico probabilmente non faranno altro che aggravare le preoccupazioni sulla corruzione.”

Al contrario, altri rimangono ottimisti che eventualmente la nuova legge beneficerà i salvadoregni, considerando che l’economia del paese dipende fortemente dalle rimesse inviate a casa dagli emigrati all’estero. Solo l’anno scorso, le rimesse verso il paese hanno raggiunto 6 miliardi di dollari, pari a un quinto del prodotto interno lordo.

“L’adozione di Bitcoin come moneta a corso legale per legge a El Salvador offre al paese più opzioni in questioni finanziarie e per quanto riguarda la sovranità,” ha commentato Alexander Blum, amministratore delegato di Two Prime.

Il suo punto di vista si allinea a quello dell’artista e imprenditore Alberto Echegaray Guevara, secondo cui “la legge Bitcoin del presidente Bukele non solo cerca di rendere il trasferimento internazionale di denaro più economico e semplice per il 70% della sua popolazione senza accesso ai servizi bancari, ma sta anche creando un nuovo centro economico e piattaforma per le rimesse in America Centrale.”

Adrian Pollard di HollaEx ha spiegato a Cointelegraph, “è normale che l’introduzione di nuove tecnologie presenti bug e incontri opposizione, ma è esattamente per questo che è stata resa volontaria.”

“Sospetto che ci saranno altri ostacoli sulla strada per El Salvador, ma ne varrà la pena a lungo termine. Infatti, credo che altre nazioni sudamericane non siano lontane e presto ne seguiranno l’esempio,” ha aggiunto Pollard.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews