domenica, Ottobre 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeViaggiA Brescia l’archeologia incontra l’arte contemporanea, tra terme e vendemmia

A Brescia l’archeologia incontra l’arte contemporanea, tra terme e vendemmia

La sua Nikec Metafisica dà il benvenuto nella Brescia di Francesco Vezzoli. È lei la vestale di questo autunno della contaminazione tra archeologia e arte contemporanea di cui la città lombarda ha affidato la scenografia proprio al suo cittadino più geniale. Ecco, dunque, Palcoscenici Archeologici, un itinerario di ri-scoperta che, in collaborazione con la Fondazione Brescia Musei, si potrà compiere sino al 9 gennaio.

In questo tragitto lungo l’illustre storia romana della città, si fanno incontri inaspettati: con Sophia Loren, il cui ritratto è stato dorato da Vezzoli, mentre, appunto ai piedi della scalinata del Capitolium ci si imbatte nella Nike sotto forma di testa di manichino. Tutto il Parco Brixia è stato messo nelle mani di Vezzoli, rispettose della bellezza antica di questi luoghi, che è intervenuto anche a Santa Giulia, nel Santuario Repubblicano. E poi c’è la Vittoria Alata, emblema di Brescia che, dopo il restauro, si fregia di un nuovo allestimento al Capitolium, progettato dall’architetto spagnolo Juan Navarro Baldeweg,

Loading…

Insieme al Teatro Romano e alla Piazza del Foro, si ha davvero l’impressione che Brixia sia la Roma del Nord Italia.

Dai Longobardi a Raffaello sino a Mo.Ca. e Areadocks

Poi a Brescia calarono i longobardi al cui periodo risale la meravigliosa Chiesa di San Salvatore, a tre navate, all’interno del complesso di Santa Giulia che presenta un ciclo di affreschi, compresa la cripta, di elevatissima fattura artistica. Queste settimane di inizio autunno sono ideali per passeggiare da una delle tre piazze principali all’altra: in Piazza Paolo VI si scoprono le due cattedrali e il Palazzo del Broletto, Piazza Vittoria è molto scenografica grazie alle architetture di Marcello Piacentini, mentre l’iconica Piazza della Loggia riporta al ‘500 coi suoi palazzi maestosi. Per fare acquisti, ci sono tante possibilità nelle boutique sotto i portici di Via X Giornate e Corso Zanardelli. Si può salire al Castello per ammirare la città dall’alto sino al Monte Maddalena. E poi scendere di nuovo nella parte bassa, per visitare la Pinacoteca Tosio Martinenego, ricca di capolavori di Raffaello, Moretto, Romanino, Lotto, Hayez e degli scultori Canova e Thorvaldsen.

Il legame tra arte dei secoli scorsi e pulsioni del contemporaneo è confermato dalle iniziative culturali ospitate al Mo.Ca. negli spazi dell’ex Tribunale che vedono tanti giovani attivi nel coworking e in allestimenti creativi, così come ad Areadcoks, un deposito ferroviario dismesso nel quartiere di San Gervasio adesso “occupato” con le loro idee da designer, startupper della ristorazione.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews