martedì, Ottobre 26, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturala voce della mamma riduce il dolore

la voce della mamma riduce il dolore

La voce della mamma può alleviare il dolore dei bambini prematuri sottoposti a procedure mediche. Questo straordinario effetto benefico è stato confermato da uno studio che ha coinvolto l’Università della Valle d’Aosta, l’Università di Ginevra e l’Usl della Valle d’Aosta, e che è stato pubblicato sulla rivista scientifica Scientific Reports.

I bambini nati prima del termine, e cioè quelli dati alla luce prima delle 37 settimane di gestazione, vengono generalmente separati dalla mamma e dal papà molto presto. Spesso questi bambini vengono messi al sicuro in un’incubatrice. Qui, vengono sottoposti a numerosi controlli, esami e trattamenti medici anche dolorosi.

Purtroppo, non sempre è possibile somministrare degli antidolorifici, a causa dei potenziali rischi per il loro sviluppo. Ed è qui che, secondo la nuova ricerca, entra in gioco la voce della mamma.

Gli effetti della voce della mamma per i bambini prematuri

Il nuovo studio, condotto su un gruppo di 20 bambini prematuri nati all’ospedale Parini ad Aosta, ha infatti rivelato che la voce materna può avere un effetto calmante per il piccolo.

I ricercatori hanno condotto tre diversi esperimenti. In un primo momento le procedure mediche (per la precisione un esame del sangue quotidiano) venivano eseguite senza la presenza della mamma. Le successive due volte, i medici hanno eseguito il test di fronte alla madre che, durante il prelievo, parlava o cantava una canzone.

Osservando il comportamento del bambino gli esperti hanno notato una riduzione dei segni di espressione del dolore. Inoltre, anche il livello di ossitocina del bambino è aumentato in modo significativo. L’ossitocina è un ormone coinvolto nell’attaccamento e legato alla gestione dello stress. Ciò significa che la voce della mamma ha effettivamente esercitato un potere calmante per il bambino.

La nuova ricerca dimostra dunque l’importanza della presenza dei genitori per i bambini prematuri, che più degli altri devono affrontare momenti molti stressanti e difficili sin dalla nascita.

via | Ansa
Foto di RitaE da Pixabay
Foto di Tú Nguyễn da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews