sabato, Ottobre 16, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutala DeFi è "in palio"

la DeFi è “in palio”

Hoskinson dice che la liquidità e l’interoperabilità domineranno il futuro della DeFi

Cardano, la terza blockchain per valore di capitalizzazione, ha avviato l’hard fork Alonzo a inizio settimana consentendo finalmente alla piattaforma di supportare i contratti intelligenti e i token non fungibili (NFT). In un’intervista con Forkast, Charles Hoskinson, il fondatore di Cardano e IOHK, ha parlato del labirinto normativo in Occidente, del futuro della finanza decentralizzata (DeFi) e di cosa significa l’aggiornamento Alonzo per il mondo DeFi.

Hoskinson contesta quanti affermano che l’azione regolatoria della Securities and Exchange Commission (SEC) sui progetti DeFi sarà simile allo sconvolgimento normativo sulle initial coin offering (ICO) del 2017. Egli fa notare che queste misure regolamentari globali hanno fatto chiudere progetti discutibili e truffe, mentre hanno portato ad una nuova generazione di innovazione.

Questo significa che “la prossima generazione DeFi è in palio”, ha dichiarato il fondatore, aggiungendo che prevede un possibile giro di vite normativo sul settore nei prossimi mesi.

Hoskinson ha spiegato che il futuro della DeFi si baserà sulle fondamenta della liquidità e dell’interoperabilità, cioè la capacità di muoversi attraverso più catene. “E infine, la prevedibilità dei costi è una cosa così importante… È così bizzarro come tolleriamo enormi oscillazioni nel prezzo quando facciamo affari”, ha aggiunto.

Cardano ha mancato di capitalizzare la prima ondata DeFi dominata da rivali come Uniswap. Oltre 200 contratti intelligenti sono attualmente elencati sulla blockchain di Cardano, e altri 2.200 sono pronti al lancio. Tuttavia, tutti i contratti intelligenti sono attualmente bloccati e non possono essere utilizzati fino al rilascio da parte degli sviluppatori i quali devono risolvere problemi normativi e di altro tipo.

Hoskinson ha dichiarato che l’attuale mercato DeFi è una bolla ma ha spiegato che la bolla significa solo che il mercato sta stabilendo il valore della DeFi, non che il mercato non ha valore. Sostiene che Cardano ha sempre puntato allo sfruttamento della seconda ondata DeFi e ha aggiunto che la prima ondata non è mai stata tra gli obiettivi.

Spiegando perché Cardano è stato costruito per la seconda ondata della DeFi, Hoskinson ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di governance, abbiamo bisogno di certificazione, abbiamo bisogno di assicurazione, abbiamo bisogno di regolamentazione su queste cose, identità dei metadati… allo stesso tempo, è necessario decentralizzare”. La seconda ondata permetterà che questo avvenga in modo più facile, ha concluso.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews