sabato, Ottobre 16, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareSmacco all’Italia: primo sì della Commissione Ue al Prosek croato

Smacco all’Italia: primo sì della Commissione Ue al Prosek croato

Grande smacco per il vino made in Italy: la Commissione europea ha detto il primo sì al Prosek croato. La richiesta di Zagabria di ottenere il riconoscimento della denominazione del vino Prosek, secondo Bruxelles, sarebbe conforme «ai requisiti di ammissibilità e validità», tanto che la Commissione ha messo per iscritto che procederà alla pubblicazione di tale richiesta nella Gazzetta Ufficiale Ue. È quanto scrive lo stesso Esecutivo europeo rispondendo a una interrogazione urgente dell’eurodeputata della Lega Mara Bizzotto.

Di fronte a questa decisione, l’Italia è pronta a fare la barricate: «Nei prossimi due mesi, che rappresentano i termini temporali per presentare ricorsi e obiezioni prima della decisione finale della Commissione – ha detto l’onorevole Bizzotto – noi della Lega e tutto il nostro territorio porteremo avanti una battaglia campale per difendere la tipicità e la qualità del nostro Prosecco e il lavoro di migliaia di aziende».

Loading…

Oltre ad aprire un precedente pericoloso, l’attacco alla Doc italiana campione di incassi nel mondo arriva a pochi giorni di distanza dalla pronuncia della Corte di Giustizia Ue, che il 9 di settembre ha ricordato che le Dop non solo non possono essere copiate, ma non possono nemmeno essere evocate nel nome. Da una parte, dunque, l’Europa sanziona la catena catalana di tapas bar Champanillo – «champagnino», in spagnolo – perché evoca il noto vino francese non solo nel nome, ma anche nella grafica del’insegna. Dall’altra, invece, apre le porte alle bottiglie di bianco croato, che nel nome richiamano le bollicine venete.

«Dalle dichiarazioni fatte dal commissario all’Agricoltura Wojciechowski ci era ben chiara la direzione che avrebbe preso l’Esecutivo Ue – ha detto il presidente del Consorzio del Prosecco Doc, Stefano Zanette – ma la faccenda non è affatto conclusa: da quando l’istanza giunta dal Prosek verrà pubblicata sulla Gazzetta ufficiale europea avremo 60 giorni per presentare le nostre osservazioni. E non saremo soli: presenteremo le osservazioni insieme ad altre forze che si stanno unendo a noi, consapevoli della gravità che tale eventuale approvazione da parte della Ue creerebbe. Si tratterebbe di un precedente pericoloso, le cui derive sono facilmente intuibili».

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews